Estorsione con metodo mafioso, condannati Ferdinando "Pupetto" e Samuele Di Silvio

La sentenza del Tribunale per le minacce al ristoratore di Sermoneta

Sono stati condannati a nove e otto anni di carcere Ferdinando "Pupetto" e Samuele Di Silvio, riconosciuti colpevoli di estorsione con metodo mafioso: la sentenza è arrivata poco prima delle 19 di oggi, 17 gennaio, con cui il Tribunale di Latina, presieduto da Gianluca Soana, ha accolto le richieste della Procura che aveva sollecitato questo genere di aggravante.

La vicenda è quella relativa ad una estorsione ai danni di un imprenditore che aveva preso in gestione un ristorante di Sermoneta e si era visto chiedere 15mila euro.

Nella vicenda inizialmente erano coinvolti anche Renato Pugliese e Agostino Riccardo, che sono stati già condannati avendo scelto riti alternativi e nel frattempo sono diventati collaboratori di giustizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tribunale presieduto da Gianluca Soana dopo un'ora di camera di consiglio ha letto la sentenza che ha accolto la ricostruzione della Procura sulla caratura criminale dei due giovani esponenti del clan Di Silvio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Coronavirus, contagi a Priverno. Il sindaco spegne le polemiche: “Nessuna zona rossa”

Torna su
LatinaToday è in caricamento