Scoperto commercialista evasore, sequestrati beni per 4 milioni

Operazione della finanza di Latina che ha denunciato l'uomo per dichiarazione infedele: è accusato di aver sottratto al fisco diversi milioni tra il 2005 e il 2010 accumulando un ingente patrimonio immobiliare

È finito nel mirino della guardia di finanza che lo ha denunciato per il reato di “dichiarazione infedele” e gli ha sequestrto beni per 4 milioni di euro.

Si tratta di un noto commercialista del capoluogo pontino accusato di aver sottratto fisco diversi milioni di euro tra il 2005 e il 2010.

In particolare le fiamme gialle del nucleo tributario di Latina hanno accertato come l’uomo – già noto per essere rimasto coinvolto in altre inchieste per truffe, reati fiscali e fallimentari – sottraendo “nell’ultimo decennio i propri redditi all’imposizione (ai fini Irpef ed Iva)” abbia “accumulato un ingente patrimonio immobiliare”.

“Il professionista, da anni operante a Latina, pur avendo curato direttamente o tramite prestanome la gestione di numerose società, ha infatti dichiarato al fisco solo modesti redditi di lavoro dipendente (figurando formalmente quale dipendente  di uno studio commercialistico in realtà dallo stesso gestito) spiegano le fiamme gialle -. I finanzieri hanno quantificato l’enorme evasione fiscale ricorrendo al penetrante strumento investigativo delle di indagini finanziarie”.

Inoltre, “si ritiene che proprio grazie alle ingenti disponibilità finanziarie nel tempo occultate al fisco sia stato possibile l’acquisito di numerosi immobili sparsi sul territorio nazionale ed intestati a società ed a familiari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la richiesta all’autorità giudiziaria dell’adozione di un provvedimento di sequestro, finalizzato alla successiva confisca, provvedimento poi convalidato dal gip del tribunale di Latina. I sigilli, in es sono scattati per 48 immobili e terreni tra Roma, Vicenza, Latina, Sabaudia, Cisterna, Cori, Sermoneta e Trevi nel Lazio (Fr), ad un’autovettura e altre disponibilità finanziarie, tutti riconducibili all’indagato, per un valore complessivo pari a circa 4 milioni di euro (cifra corrispondente alle imposte dovute e mai versate all’erario a partire dal 2008).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

  • Terracina: rissa tra una ventina di giovani in un ristorante, arriva la polizia. Sei denunce

Torna su
LatinaToday è in caricamento