Denaro in cambio di falsi posti di lavoro, arrestato 64enne truffatore

Aveva promesso a dei giovani di assumerli a tempo indeterminato in un'agenzia di sicurezza, in cambio aveva chiesto soldi per dei documenti. In manette per truffa e millantato credito

Aveva promesso loro un posto a tempo indeterminato all’interno di una fantomatica agenzia di sicurezza chiedendo del denaro per svolgere delle pratiche prima dell’assunzione.

Addirittura gli aveva promesso che li avrebbe assunti come agenti di sicurezza presso le Ambasciate estere prospettandogli il ruolo di  addetti alla scorta degli ambasciatori.

Ma alla fine tutto si è rivelato una truffa e l’uomo un 64enne di Cisterna è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Latina.

L’indagine che ha portato al blitz di questa mattina è partita in seguito alla denuncia di alcuni giovani. Le vittime del 64enne hanno raccontato il modo in cui erano stati raggirati e il denaro che era stato chiesto loro dal truffatore.

Dopo la promessa di assumerli a tempo indeterminato presso l’agenzia l’uomo gli aveva chiesto, oltre ai dati personali, anche 350 euro ciascuno che servivano per il rilascio del porto d’armi e per l’espletazione di altri servizi. I giovani entusiasti avevano consegnato lui il denaro ricevendo in cambio la promessa di essere assunti entro la fine dell’aprile scorso.

Dopo alcuni giorni da questo primo incontro, il 64enne ha contattato di nuovo le sue vittime per chiedergli ulteriori 100 che gli sarebbero serviti per la richiesta dei carichi pendenti presso il Tribunale, denaro che puntualmente gli era stato consegnato.

Dopo essere sparito rendendosi irrintracciabile per alcuni giorni, a causa a suo dire di un ricovero in ospedale, il truffatore ha detto ai giovani che c’erano alcuni problemi per il rilascio del porto d’armi e che per questo aveva bisogno di altri 250,00 euro per corrompere alcuni non meglio indicati funzionari pubblici.

Ma a questo punto i giovani hanno fiutato la truffa: il tempo passava e l’uomo continuava a chiedere denaro; così hanno pensato bene di recarsi in Questura e denunciare quanto accaduto. In seguito alla denuncia è stato preparato il blitz di questa mattina. Dopo aver fissato l’appuntamento con il 64enne per la consegna dell’ultima tranche di denaro, gli uomini della squadra mobile di Latina hanno predisposto un servizio di osservazione presso il luogo dell’incontro.

Proprio durante questo servizio gli agenti hanno riconosciuto il truffatore e lo hanno bloccato nei pressi delle autolinee a Latina mentre percepiva la somma di denaro pattuita. A seguito dei risultati delle investigazioni l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di truffa e millantato credito e associato presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del processo con rito direttissimo fissato per la giornata di domani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori accertamenti hanno poi consentito di verificare che il 64enne era solito raggirare i giovani in cerca di lavoro con false promesse e, per tale motivo, è stato più volte denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

Torna su
LatinaToday è in caricamento