“Cisterna vi porterà per sempre nel cuore”: la fiaccolata per ricordare Alessia e Martina

Grande partecipazione, nonostante la pioggia, alla manifestazione organizzata in memoria delle due bambine uccise dal padre a Cisterna

Cisterna vi porterà per sempre nel cuore”: neanche la pioggia ha fermato la fiaccolata per Alessia e Martina Capasso, le due bambine uccise lo scorso 28 febbraio dal padre, Luigi. 

Così tutta Cisterna ha voluto esprimere tutto il suo dolore e sgomento per un dramma che sconvolge profondamente l’intera comunità. Oltre 5mila persone hanno partecipato alla manifestazione organizzato per oggi pomeriggio; insieme a loro anche il commissario straordinario Monica Minolfi con indosso la fascia tricolore 

Un lungo corteo commosso, silenzioso e interminabile, accompagnato da fiaccole e palloncini che, da piazza XIX Marzo e dietro uno striscione che recita “Cisterna vi porterà per sempre nel cuore”, si è mosso per le vie della città fino a raggiungere il piazzale antistante il Cimitero. Qui, dinanzi alle finestre illuminate della camera mortuaria dove all'interno si trovano le due piccole bare bianche in attesa del funerale, sono stati esposti striscioni in onore di Alessia e Martina mentre il parroco don Patrizio ha invitato i presenti ad un minuto di raccoglimento e ad una preghiera. I palloncini bianchi e rosa, liberati hanno riempito il cielo mentre nell’aria hanno risuonato le note di “Sta passando novembre (è per te)” di Eros Ramazzotti.

Un modo per rendere omaggio alle due bambine che la mattina del 28 febbraio scorso sono state uccise in casa dal padre che poco prima aveva sparato e ferito gravemente la moglie. Poi nella stessa abitazione di via Collina dei Pini l'uomo si è tolto la vita. 

Uno striscione per ricordare le due bambine è stato esposto ieri anche nella curva Nord dello stadio Olimpico dai tifosi della Lazio, prima della partita contro la Juventus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento