Fiaccolata contro le mafie a Latina, crescono le adesioni alla vigilia

Prevista la partecipazione anche dell'Ugl, del sindaco Di Giorgi e di Filiberto Zaratti alla mobilitazione contro le criminalità promossa da Cgil, Cisl e Uil e in programma per il 5 settembre

È in programma per domani la fiaccolata indetta dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil di Latina e del Lazio contro tutte le mafie.

La mobilitazione arriva in seguito all’ennesimo episodio di violenza che ha visto, nostro malgrado, protagonista la provincia pontina: l’omicidio del boss della camorra Gaetano Marino avvenuto lo scorso 23 agosto a Terracina.

La fiaccolata di domani è un modo quindi per dire no alle organizzazioni mafiose che sempre più stanno prendendo piede nella provincia pontina.

E alla manifestazione parteciperà anche l’Ugl di Latina al fianco di Cgil, Cisl e Uil. L’annuncio è stato dato dl segretario dell’Ugl Lazio, Daniela Ballico, e dal segretario provinciale dell’Ugl Latina, Maria Antonietta Vicaro. “Il grave episodio di violenza avvenuto a Terracina impone una mobilitazione unitaria delle forze sociali per contrastare ogni forma di criminalità organizzata che voglia imporsi con la violenza nel nostro territorio” hanno dichiarato.

“Con questa iniziativa – aggiungono le sindacaliste – chiediamo a gran voce un maggior controllo del sud pontino che, sempre più spesso, sta diventando terra di ‘conquista’ da parte di clan mafiosi”.

Prevista alla fiaccolata contro la criminalità e le mafie anche la presenza del sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi.

“Sarò presente con sentimenti di viva partecipazione alla fiaccolata di domani sera contro criminalità e violenza poiché ritengo che la comunità di Latina e dell’intera provincia non possa abbassare la guardia di fronte a fenomeni di chiara matrice malavitosa che hanno caratterizzato di recente la nostra provincia”.

“Dalla città capoluogo, dalla sua gente, dalle organizzazioni impegnate quotidianamente sul territorio, arriva un nuovo segnale di civiltà che inviato a raccogliere chiamando tutte le realtà sane di questo territorio ad unirsi per fare fronte comune contro i fenomeni malavitosi. Questa iniziativa – continua Di Giorgi – arriva significativamente a ridosso degli anniversari delle morti di Carlo Albero Dalla Chiesa e dei giudici Falcone e Borsellino, martiri della lotta alla mafia e alle criminalità e rappresenta la testimonianza che il loro sacrificio non solo non è stato inutile ma trova oggi nuovi percorsi di espressione in un rinnovato slancio di civiltà ”.

Parteciperà alla fiaccolata anche il presidente della commissione Sicurezza Integrazione sociale Lotta alla criminità della Regione Lazio, Filiberto Zaratti.

"Aderisco alla fiaccolata per la legalità, promossa dai sindacati Cgil Cisl Uil, che si svolgerà domani sera a Latina per dire no alle mafie e alla criminalità organizzata" ha detto Zaratti. "L'escalation criminale che si e' verificata nella provincia pontina in questi ultimi mesi evidenzia un controllo militare delle mafie nei territori che non puo' essere tollerato. La presenza di consorterie criminali riconducibili alla 'ndrangheta e al clan dei Casalesi va contrastata e combattuta con tutti i mezzi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' per questo che ritengo necessaria una risposta forte e decisa delle istituzioni e della societa' civile che contribuisca a diffondere la cultura della legalita' per spazzare via quella dell'illegalita"', conclude l'esponente di Sel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento