Film "La Casalese" prodotto dai Bardellino, esposto dell'associazione Caponnetto

L'associazione antimafia chiede anche alla Dda di Roma di indagare sul caso

Un esposto alla Procura di Cassino e alla Direzione distrettuale di Roma contro la proiezione del film "La Casalese - L'operazione Spartacus", tratto dall'ononimo libro e prototto da una società della famiglia Bardellino. La notizia era stata diffusa ieri, 23 marzo, dal deputato del Movimento 5 Stelle Raffaele Trano, che annunciava uno stop del Viminale alla presentazione in programma per la giornata di martedì 26 marzo a Spigno Saturnia

Ora sul caso interviene anche l'associazione antimafia Antonino Caponnetto, che ha inviato un nuovo dettagliato esposto alla Procura di Cassino e alla Dda chiedendo urgenti indagini su quanto accaduto, anche di natura patrimoniale. Il film risulta infatti prodotto da Angelo Bardellino, nipote del boss stabilitosi nel sud pontino.

“La storia non può essere riscritta direttamente o indirettamente da chi ne ha preso parte - aveva spiegato Trano - si rischia di vanificare gli sforzi di associazioni antimafia e società civile che da anni tentano di sovvertire un ordine politico istituzionale fatto di connivenze e di falsa legalità. Invitiamo dunque i sindaci del territorio a prendere una posizione chiara sull’argomento". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento