Al poliambulatorio con un revolver, i carabinieri sventano il suicidio e lo denunciano

E' accaduto a Fondi dove i militari sono intervenuti in un centro diagnostico e hanno denunciato un 78enne del luogo è stato denunciato per porto abusivo di arma

E’ entrato in un poliambulatorio di Fondi per sottoporsi ad accertamenti diagnostici, ma ha portato con sé un revolver calibro 38, regolarmente detenuto, manifestando a un proprio conoscente il proposito di suicidarsi nell’ipotesi in un cui gli esiti clinici fossero stati preoccupanti. Il revolver Smith & Wesson era regolarmente detenuto ma il porto d’armi dell’uomo era scaduto. L’intervento dei carabinieri della tenenza locale all’interno del centro ha consentito di sventare il suicidio annunciato.

L’uomo, un 78enne del luogo, è stato però denunciato per porto abusivo di arma. Il revolver è stato posto sotto sequestro insieme a cinque cartucce. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di scoprire e sequestrare anche un fucile da caccia calibro 12 e 45 cartucce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento