Persecuzioni e insulti omofobi alla coppia gay di Formia: scatta il divieto di avvicinamento alle vittime

Il caso sollevato nei mesi scorsi dopo la segnalazione del Gay Center. La coppia omosessuale costretta da tempo a subire offese

Divieto di avvicinamento alle vittime ad una distanza inferiore a 100 metri. E' questo il provvedimento emesso dal gip del tribunale di Cassino a carico di due congiugi di Formia, lui 65 anni, lei 61, che per lunghi mesi hanno perseguitato una coppia gay. Il caso era stato sollevato lo scorso novembre dopo la segnalazione del Gay Center: scritte omofobe sui muri, insulti, offese e perfino un lancio di pietre contro l'appartamento della coppia. 

Le due vittime, di 47 e 48 anni, negli ultimi tempi avevano infatti denunciato le sistematiche vessazioni che erano costrette a subire dai due coniugi, vicini di casa. Gli atteggiamenti molesti e gli insulti a sfondo omofobo avevano costretto i due uomini a cambiare radicalmente le proprie abitudini di vita. Le indagini dei carabinieri e la successiva ricostruzione dei fatti avevano portato a una denuncia a piede libero dei due sessantenni per i reati di violenza privata, molestie, danneggiamento aggravato.Ora arriva anche un provvedimento del giudice, che ha disposto per i coniugi il divieto di avvicinarsi alle vittime. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Investimento mortale sui binari, sospesa la circolazione dei treni sulla Roma-Napoli

Torna su
LatinaToday è in caricamento