Frana l'isola, sopralluogo del Genio Militare a Ventotene

Dopo l'ispezione non sembra destare preoccupazione la zona di Punta dell'Arco colpita dalla frana mercoledì 26 ottobre. Tutta l'attenzione è concentrata sull'area di Cala Rossana

La Grotta dei Passeri a Ventotene prima dei crolli degli ultimi anni

In seguito all’ennesimo crollo che ha colpito Ventotene il sindaco Giuseppe Assenso, in accordo con il Prefetto di Latina, ha richiesto e ottenuto il sopralluogo del Genio Militare sull’isola.

Il giro d’ispezione è stato effettuato nella giornata di oggi, quando con foto e video il Genio Militare è riuscito a disegnare un quadro della situazione sull’isola pontina.

Il crollo di mercoledì scorso non sembra aver arrecato particolari danni, anche perchè avvenuto in una zona, Punta dell’Arco, che non presenta strade di accesso e quindi non pericolosa per persone o cose. Quella che invece richiede la maggiore attenzione è l’area intorno alla Grotta dei Passeri presso Cala Rossano.

In seguito alla frana dello scorso 17 ottobre, infatti, Assenso si è visto costretto a chiudere la strada che sovrasta il costolone andato in frantumi, proprio quella che conduce al cimitero, al distributore di benzina e all’eliporto. In seguito a questa decisione ben 15 famiglie dell’isola sono risultate totalmente emarginate dall’isola. La soluzione temporanea adottata è stata la creazione di un temporaneo passaggio pedonale che permette per lo meno a queste persone di mettersi in contatto con valle Giulia, l’elisoccorso e il benzinaio.

Oggi il Genio Militare ha effettuato il sopralluogo e a giorni si attendono le risposte alle due proposte alternative che sono state avanzate dal sindaco per la ripresa del traffico lungo la strada che sovrasta la Grotta dei Passeri.

La prima riguarderebbe la riapertura del percorso stradale, la seconda la costruzione di un ponte. Già da ora si può ipotizzare che tra le due la via più percorribile è quella relativa alla riapertura della strada non senza una serie di interventi. Si tratterà comunque di lavori che richiederanno mesi e grandi investimenti.

Una decisione, però, in questa situazione si rende quanto mai opportuna dal momento che l’isola di Ventotene è arrivata ad un punto di non ritorno ed è necessario un intervento preventivo prima di ulteriori danni causati dai crolli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento