Operazione Arpalo, così funzionava la macchina per fare soldi: un impero smantellato

La ricostruzione del sistema messo in piedi dall'associazione e scoperto nell'ambito dell'inchiesta che ha portato agli arresti Pasquale Maietta. I ruoli di professionisti e imprenditori

Uno schema ben definito e costruito da “un’associazione criminale altamente spacializzata”, come l’hanno definita gli investigatori. Con una struttura che affidava a ciascuno compiti e ruoli precisi: c’erano i professionisti (studi contabili, professionali e legali), c’erano gli amministratori di società che operavano nel settore degli autotrasporti e c’erano infine i prestanome, fondamentali per creare uno schermo che proteggesse gli indagati. Ieri l'operazione Arpalo ha smantellato la rete dedita alle frodi fiscali e al riciclaggio, portando a 13 misure cautelari.

Scatta l'operazione di polizia e finanza: 13 arresti

Il compito dei professionisti

Ai legali il compito di curare la tutela legale di tutte le questioni patrimoniali degli associati, con la predisposizione di documenti e contratti, appalti, servizi. Ai consulenti finanziari e ai commercialisti, depositari della scritture contabili, quello di strutturare e organizzare otto società, quattro anonime svizzere e quattro srl italiane tutte intestate a prestanome, attraverso le quali è stato possibile rilevare tutti i passaggi societari e i flussi finanziari.

Tutti i nomi degli arrestati

Il ruolo degli imprenditori

Gli imprenditori rivestono un ruolo centrale. Si tratta di vertici di gruppi aziendali che operano nel settore degli autotrasporti e che, avvalendosi della struttura societarie concepita dai consulenti fiscali, si occupavano di fornire servizi a grandi committenti nazionali del trasporti di merci attraverso una serie di cooperative che agivano nella più totale illegalità dal punto di vista fiscale e contributivo.

Il sistema infallibile

Questa la ricostruzione del sistema rodato che gli indagati consideravano infallibile.  I ricavi illeciti venivano materialmente trasferiti in Svizzera e distribuiti nelle quattro società con sede a Lugano: la July Investment sa, la Rofa Investment, Arcobaleno Holding sa, Rosaimm sa, tutte gestite dalla fiduciaria svizzera Smc Trust, che si occupava di gestione patrimoni e che era gestita da Augusto Massimo Bizzini, di Caneggio. Contestualmente venivano create in Italia altrettante società corrispondenti, ciascuna partecipata al 100% dalla sua omonima svizzera, tutte amministrate da soggetti del capoluogo a vario titolo inseriti nello studio commercialista di Maietta. I soldi rientravano nelle società italiane a mezzo di bonifici per “finanziamento soci” e consentivano di acquistare immobili concessi come benefit a giocatori e allenatori della Us Latina Calcio o di finanziare la stessa società sportiva. L’ultimo passaggio era poi costituito dalla retrocessione dell’intero capitale depositato tramite la stipula di atti di compravendita.

Il Latina Calcio e le indagini Starter e Olimpia: ascesa e declino di Pasquale Maietta

La fideiussione di 340mila al Latina Calcio

Analizzando i flussi di denaro gli investigatori hanno infatti accertato che dalla Rosaimm srl era partito l’acquisto di quote del Latina Calcio tramite un finanziamento a Maietta; una fideiussione di 345mila euro per l’iscrizione della squadra al campionato 2011-2012 e infine la vendita di quote societarie a Fabrizio Colletti nel 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sistema così architettato è destinato a franare quando gli investigatori si accorgono che ci sono nomi che ricorrono con troppa frequenza nelle società e che ogni passaggio riconduce allo studio di Maietta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento