Cercano di rubare 100 chili di rame, colpo sventato ad Aprilia

L'arrivo dei carabinieri ha fatto saltare i piani dei due ladri che in un'abitazione stavano asportando l'ingente quantitativo di oro rosso. Arrestati in flagranza di reato

Il materiale sequestrato dai carabinieri

Circa 100 chilogrammi di rame. Questo l’ingente bottino che, nella mattinata di ieri, due ladri speravano di portarsi via da un'abitazione ad Aprilia.

Solo l’intervento dei carabinieri ha permesso di sventare il furto e di consentire l’arresto in flagranza di reato dei malviventi.

L’operazione è avvenuta nella tarda mattinata, intorno alle 12, quando due cittadini di nazionalità romena di 54 e 58 anni, in Italia senza fissa dimora, in concorso fra di loro, sono stati sorpresi all’interno di un’abitazione privata nel momento in cui cercavano di mettere a segno il furto.

I ladri, infatti sono stati scoperti mentre asportavano circa 100 chilogrammi di cavi del prezioso oro rosso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le manette gli arrestati sono stati ristretti in camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento