In fuga con 80 chili di rame appena rubati, arrestato ad Itri

Giovane di 28 anni sorpreso mentre cercava di scappare con la refurtiva appena trafugata nel deposito di una palazzina. Fermato dai carabinieri è in attesa del rito direttissimo

Non si placa la mano dei ladri in provincia. Quello dei furti sempre più sta diventando un problema che tiene in allerta non solo le forze dell’ordine ma anche la stessa comunità civile.

Sotto schiaffo esercizi commerciali, abitazioni, distributori; tutto fa gola ai ladri che agiscono indistintamente di notte e di giorno, in centro e in periferia senza alcun timore.

L’ultimo colpo, fortunatamente sventato dai carabinieri, è stato tentato nella giornata di ieri nel comune di Itri, dove è stato preso di mira un deposito di rame nel seminterrato di una palazzina.

I militari del locale comando stazione stavano predisponendo una serie di servizi di controllo del territorio quando si sono imbattuti in un giovane di nazionalità romena, L. N. di 28 anni, che, dopo aver caricato sulla sua vettura la refurtiva appena trafugata, stava cercando di darsi alla fuga.

Dopo aver bloccato il ladro, i carabinieri hanno scoperto la merce nella vettura, circa 80 chilogrammi di rame composti da grondaie e tubazioni che erano proprio stati rubati nel seminterrato-deposito della palazzina dalla quale era appena uscito.
In seguito alla scoperta del materiale il 28enne è stato arrestato per il reato di furto aggravato e trattenuto presso la camera di sicurezza in attesa del rito per direttissima.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Concorso per lavorare in Senato: come candidarsi

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento