Gaeta, truffa sul web con la casa vacanza: rintracciato il responsabile

L'autore è un uomo residente a Bologna. La vittima una donna della provincia di Pavia che aveva pagato 300 euro per il soggiorno

Attraverso un'inserzione su un sito internet ha pubblicizzato una casa vacanza a Gaeta in realtà mai esistita. Un 45enne di Castel San Pietro Terme, Bologna, è riuscito anche a farsi consegnare 300 euro su una carta prepagata, somma corrispondente all'affitto della casa per un breve soggiorno. 

A cadere nella truffa è stata una donna di 38 anni di Linarolo, Pavia, che si è poi accorta che l'appartamento pubblicizzato sul web non esisteva. Il caso è stato segnlato alle forze del'ordine e i carabinieri di Gaeta, a conclusione di una specifica attività di indagine, sono riusciti a risalire al responsabile, il 45enne di Bologna, denunciato a piede libero per il reato di truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento