In migliaia in corteo: studenti e cittadini in piazza per ricordare le vittime della mafia

Un corteo lunghissimo e colorato si è snodato per le vie del centro per la 21esima Giornata della Memoria e dell'Impegno in Ricordo delle Vittime Innocenti delle Mafie. In tantissimi a Latina hanno risposto all'iniziativa di Libera

In migliaia questa mattina hanno riempito il cuore di Latina per ricordare le vittime di mafia. Un corteo colorato si è snodato per le vie del centro per dire no alla crimianlità organizzata, anche a Latina oggi, 21 marzo, in occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle Vittime Innocenti delle Mafie. 

E anche a Latina, in contemporanea con altri 1000 luoghi italiani e Messina, la città scelta come simbolo per la 21esima edizione della Giornata, c’è stata una bellissima e sentitissima manifestazione che ha visto protagonisti soprattutto i giovani e gli studenti delle scuole della provincia, ma anche singoli cittadini e rappresentanti delle istituzioni, tra cui il commissario Barbato, il prefetto Faloni e i rappresentanti delle forze dell'ordine (foto in basso postata sulla pagina Facebook di Libera Latina). 

giornata_vittime_mafia_corteo_latina_libera-2

L’iniziativa di Libera in collaborazione con diversi enti locali, scuole, aziende, le famiglie delle vittime e tanti cittadini, arriva al termine di una settimana di iniziative ed appuntamenti organizzati nel capoluogo pontino per ricordare chi ha perso la vita per colpa della mafia rinnovando l’impegno di una lotta che dura ogni giorno contro la criminalità organizzata. 

Dopo l’incontro alle 9 in piazza del Popolo è partito il lunghissimo e pieno di colori corteo che ha seguito diverse tappe nel centro di Latina, arricchite da doversi interventi davanti a Prefettura, Tribunale e Questura. Poi il ritorno in piazza del Popolo.

Qui il momento più toccante ed emozionante dell’intera manifestazione con la lettura sul palco dei nomi delle vittime innocenti della mafia, in contemporanea con Messina e le altre città italiane.