Incarichi esterni, Zuliani: “Non soddisfa la risposta di Cecere”

Si riaccende la polemica tra la consigliera del Pd e l'assessore alle Risorse Umane sulla questione dei professionisti esterni assunti per assolvere mansioni interne all'amministrazione

Nicoletta Zuliani, consigliere comunale per il Pd

Non si è fatta attendere la replica di Nicoletta Zuliani all’assessore alle Risorse Umane, Rino Cecere, in merito alla questione degli incarichi esterni.

Insoddisfacente ha definito la consigliera del Pd la risposta fornita dall’assessore all’interrogazione posta nei giorni scorsi. Ma facciamo il punto della situazione per evitare di perderci fra domande, risposte, dati, norme citate e quant’altro.

Erano tre le domande contenute nell’interrogazione sulle modalità, secondo la Zuliani irregolari anche se consolidate, di conferimento di incarichi ad esperti esterni all’amministrazione:

1. come giustificare gli incarichi finora affidati ad esterni in dispregio dell'art. 4, comma 8 del Regolamento per l'Affidamento di Incarichi ad esperti Esterni all'Amministrazione
2.  per quale motivo non sono state costituite le liste di esperti esterni?
3. entro quali tempi l'Amministrazione intende aprire la pubblica iscrizione agli elenchi di esperti esterni?

Nel fornire la sua replica la consigliera del Pd riparte da quanto riportato nel documento dell'assessore, nel quale si evince che in caso di necessità di personale esterno per un tempo determinato, il Regolamento Comunale prevede due passaggi: in primo luogo l’accertamento dell’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane interne con una nota interna al personale degli uffici, e successivamente la predisposizione di un avviso pubblico per l'individuazione delle professionalità richieste con presentazione di curricula, definizione dei tempi per la conclusione della procedura, e i criteri per la comparazione.

La Zuliani chiarisce che "nella risposta però non si dice che in alternativa, e solo in alternativa alla procedura del bando, ci si potrà avvalere di elenchi di personale preventivamente selezionato sempre attraverso una modalità di reclutamento pubblica. Viene invece specificato che è a discrezione dell'amministrazione usare o meno gli elenchi, "ritenendo facoltativo la predisposizione degli elenchi in questione". E allora, se non si utilizzano risorse interne, se non si procede a bando e non si si usano neanche gli elenchi di esperti, - e finora non risulta nessuna delle tre modalità - coma fa il Comune ad assegnare questi incarichi? Il "non detto" è forse: attraverso conoscenze personali?

Interrogativo, che alimenta nuovamente la polemica e che, come è logico aspettarsi a breve riceverà una risposta dell’assessore Cecere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento