Resta incastrato con la testa nel cancello automatico, liberato dai vigili del fuoco

L’incidente nella zona di Santo Janni a Formia. Provvidenziale l’intervento dei pompieri

Rimasto incastrato con la testa nel cancello automatico è stato liberato dai vigili del fuoco. Paura per un uomo a Formia protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio di ieri, lunedì 17 dicembre, in località Santo Janni. Provvidenziale si è rivelato l’intervento degli uomini del 115 per prestare soccorso al malcapitato. 

L’allarme è scattato intorno alle 16.30 e sul posto è prontamente intervenuta la squadra territoriale dei pompieri. Appena giunta ha riscontrato la presenza dell’uomo con il capo incastrato in un cancello automatico, spiegano i vigili del fuoco, “a seguito di qualche manovra azzardata da parte dello stesso". 

Fondamentale di è rivelato l’intervento del 115 che con l’attrezzatura tecnica in dotazione è riuscito a divaricare il cancello così da estricare l'uomo che lievemente ferito è stato poi affidato alle cure dei sanitari del 118.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Migranti sfruttati, il gip ha deciso: restano tutti in carcere

  • Cronaca

    Gaeta, arrestato ladro di ruote d'auto: bloccato dai carabinieri dopo un inseguimento

  • Green

    Inquinamento: 12 giorni di superamento dei limiti a Latina. Presentato "Mal’aria 2019"

  • Cronaca

    Avvocati alle urne, nel primo giorno hanno votato 724 professionisti

I più letti della settimana

  • Caporalato, arrestato il segretario provinciale di Fai Cisl. Sindacato: “Siamo sconcertati”

  • Caporalato: sgominata organizzazione. Coinvolto anche un sindacalista

  • Nonnismo a Latina, Samantha Cristoforetti "smonta" il caso: "Ecco il mio battesimo del volo"

  • Nonnismo, la denuncia dell'allieva Giulia contro la scuola di volo di Latina

  • Caporalato, operazione “Commodo” della Squadra Mobile: chi sono i sei arrestati

  • Voragine sulla Pontina, ritrovato il cellulare di Valter Donà

Torna su
LatinaToday è in caricamento