Frontale ad Aprilia, l'ultimo saluto al giovane Diego Sebastiani

Stamattina i funerali del giovane che ha perso la vita in un incidente stradale. Secondo le indagini era alla guida della moto senza patente, potrebbe aver tenato un sorpasso azzardato

Via Carano ad Aprilia

Si sono tenuti questa mattina alle 12.30 nella chiesa di San Giuseppe alle porte della città di Aprilia i funerali di Diego Edoardo Sebastiani, il 18enne che giovedì sera in sella ad una Kawasaki ha perso la vita dopo un incidente stradale in via Carano.

Un momento di commozione che le persone che volevano bene a Diego hanno voluto vivere insieme. Un intero quartiere si è stretto intorno alla famiglia del ragazzo in un momento i estremo dolore. Familiari, amici, tutte le persone che lo conoscevano hanno gremito stamattina la chiesetta per l’ultimo saluto al giovane prematuramente e tragicamente scomparso all'età di soli 18 anni e che da qualche tempo lavorava presso un’azienda agrituristica della zona.

L’incidente è avvenuto giovedì scorso, 27 ottobre; Diego era appena uscito dalla sua casa in via Giannottola, in sella ad una kawasaki proseguiva lungo via Carano e poco prima dell’incrocio con via delle Isole è andato a schiantarsi frontalmente con una vettura che veniva dal senso di marcia opposto. Immediato l'arrivo dei familiari che, udito il tremendo boato dello schianto, si erano subito gettati in strada. Tragico lo scenario che si è palesato davanti ai loro occhi; Diego dopo aver impattato contro il cofano della vettura era caduto a terra; sarebbe deceduto qualche minuto dopo. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra mobile, dei carabinieri e gli operatori sanitari del 118.

Intanto continuano le indagini della polizia per ricostruire la dinamica dell’incidente; sono stati ascoltati il proprietario della Golf che ha impattato con Diego e una ragazza romena alla guida di una Ypsilon che se guiva la moto prima dell’impatto mortale. Secondo alcune ipotesi iniziali Diego potrebbe aver tentato un sorpasso azzardato prima di quella curva maledetta.

Intanto dai primi accertamenti è stato rivelato che Diego era alla guida della moto senza la regolare patente e che la stessa Kawasaki risultava rubata e regolarmente denunciata qualche giorno prima. Per ora rimangono da chiarire ancora due cose: come il 18enne di Aprilia sia entrato in possesso della moto e chi è coinvolto nel furto

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Incidente al Piccarello, schianto fra auto: due bambine in ospedale. Strada chiusa

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Cisterna, falso allarme bomba per un’auto sospetta davanti la caserma dei carabinieri

Torna su
LatinaToday è in caricamento