Rapporto sicurezza stradale, in calo numero incidenti in provincia

Forte riduzioni dei sinistri sia mortali che con feriti e del numero dei decessi registrati nel 2010; Latina rimane la città con il maggior numero di eventi, seguita da Aprilia e Terracina

Una sostanziosa riduzione del numero degli incidenti stradali e un massiccio aumento degli interventi preventivi delle forze dell’ordine e degli investimenti della Provincia nella messa in sicurezza delle strade.

Questo è quanto emerge dal “VII Report sulla sicurezza e incidentalità stradale nell’anno 2010” la banca dati degli eventi in cui sono intervenuti polizia stradale, municipali e carabinieri sul territorio pontino. I dati sono significativi e importanti e vengono messi in luce dal presidente Armando Cusani che parla mille e duecento chilometri di strade provinciali da mettere in sicurezza, e di circa 107milioni di euro destinati nel 2011 alla viabilità.

Sono 59 i milioni spesi per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e messa in sicurezza, mentre le strade maggiormente interessate da questo grande flusso di incremento di denaro, pari a 40 milioni di euro,  sono state la strada provinciale Flacca e la regionale Appia, il collegamento fra le due strade lungo la galleria Scarpone e il nuovo collegamento lungo la variante della provinciale Sant’Agostino costituito da un nuovo tracciato. Circa 5 milioni e mezzo sono stati destinati al programma sulla sicurezza stradale avviato nel 2007, e altri 2 milioni e mezzo per le risorse umane e strumentali impiegate.

I dati del Rapporto riportano i 2052 sinistri avvenuti sul territorio provinciale nel 2011 di cui 62 mortali, 1730 con feriti e 260 con soli danni alle cose, dove il numero complessivo dei deceduti è di 63 e dei feriti di 2979. Rispetto all’anno precedente si è registrato una riduzione di tutti i valori, sia in riferimento al numero degli incidenti in assoluto, che a quelli mortali che al numero di morti e feriti, in percentuale diminuiti rispettivamente del 28% e del 0.17%.

Mentre se si considera l’arco dei tre anni, vale a dire dal 2007 al 2010, si nota una riduzione del numero dei deceduti pare al 5% e dei feriti dell’8%.

Ma i valori che preoccupano sono quelli relativi alle fasce di età delle persone coinvolte nei sinistri, che nella maggior parte dei casi si tratta di giovani compresi fra i 29 e i 39 anni.

Uno sguardo viene, infine, gettato alla geografia degli incidenti che si concentrano nella maggior parte dei casi nel comune di Latina – 18 sono i mortali – in quello di Aprilia (12) e di Terracina (7), mentre Formia rimane ferma a 3. Le stesse città sono anche interessate dal maggior numero di incidenti lesivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre per quanto riguarda le strade si nota che un terzo dei sinistri accade in ambiti urbani e su strade comunali, seguiti da quelli su strade statali e regionali e solo in coda si collocano le strade provinciali. In particolare la Litoranea rimane quella maggiormente interessata dall’alta incidentalità, anche se negli ultimi due anni si è verificato un netto calo del numero degli eventi, così come la provinciale Fondi-Sperlonga che ha ridotto i suoi valori di incidentalità grazie alla manutenzione ordinaria, straordinaria e alla presenza lungo il percorso di autovelox.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento