Giustizia, l'appello al Presidente del Tribunale: "Bisogna ripartire"

Il commissario dell'Ordine Mignano chiede di istituire un tavolo tecnico per riaprire in tutta sicurezza al più presto

Dopo gli incontri della scorsa settimana e alla luce del fatto che nulla è cambiato il commissario straordinario dell’Ordine degli avvocati Giacomo Mignano ha deciso di scrivere al Presidente del Tribunale Caterina Chiaravalloti per sollecitare, ancora una volta, la ripartenza delle attività giudiziarie.

“Mentre tutti i comparti economici sono pienamente operativi – scrive - quello della giustizia è ancora fermo. La riapertura degli uffici giudiziari quindi appare non più rinviabile”. Ricordando le enormi difficoltà economiche che i professionisti stanno vivendo da mesi in conseguenza del lockdown provocato dal Coronavirus Mignano chiede l’attivazione di tutti i meccanismi necessari a far ripartire la giustizia garantendo le richieste condizioni di sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Attorno al sistema della giustizia locale operano, tra addetti diretti e indiretti, circa 5mila persone – sottolinea - che traggono il proprio reddito dall’operatività delle attività giudiziarie e che di conseguenza da marzo non sono più professionalmente operative”. Il commissario dell’organismo forense chiede dunque di istituire urgentemente un tavolo tecnico con le rappresentanze del personale non togato del Tribunale per “affrontare e risolvere tutte le problematiche connesse alla sicurezza dei luoghi di lavoro affinché l’auspicata riapertura avvenga nel rispetto della tutela di chi opera all’interno delle strutture”. “La riapertura degli uffici giudiziari – conclude la lettera – non appare più rinviabile visto che l’attuale situazione di stallo rischia di aggravare ulteriormente lo stato di grave disagio in cui è caduto il settore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Fiumi di droga dalla Spagna al sud pontino: 22 arresti. Armi e bombe per eliminare i rivali

  • Coronavirus Latina: nessun caso in provincia, 9 nel Lazio. Attenzione puntata sui voli internazionali

  • Operazione antidroga dei carabinieri nel sud pontino: 22 in manette. I nomi degli arrestati

  • Coronavirus: due nuovi casi e un decesso in provincia. Vietato abbassare la guardia

Torna su
LatinaToday è in caricamento