Botte e minacce alla figlia, resta in carcere il 70enne di Latina

L'uomo, già colpito da misura di allontanamento da casa, è stato interrogato questa mattina e ha negato tutto

Resta in carcere il 70enne arrestato a Latina per maltrattamenti in famiglia, lesioni e violazione della misura cautelare che gli imponeva l'allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla figlia.

L’uomo, assistito dall’avvocato Giuseppe Di Manno, è stato interrogato questa mattina in carcere dal giudice per le indagini preliminari Pierpaolo Bortone ed ha risposto alle domande del magistrato negando di avere picchiato e maltrattato la figlia. Ha spiegato di essere tornato nell’abitazione per prendere dei vestiti. In realtà quando i poliziotti sono arrivati sul posto, avvisati dai vicini di casa che avevano segnalato una violenta lite in corso, De Lucia stava cercando di prendere a calci la figlia e minacciava il fidanzato intervenuto per difenderla.

A conclusione dell’interrogatorio il gip ha convalidato l’arresto ed ha confermato il provvedimento di custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'Appia tra un'auto e un camion: la vittima è Maria Angela Parisella

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Due rapine in un'ora a Latina: bandito a segno in via Cisterna, il colpo salta a Santa Maria

  • Tragedia a Latina: un uomo si toglie la vita sparandosi con un'arma da fuoco

  • Tragico incidente a Terracina, auto contro un camion: muore una donna

Torna su
LatinaToday è in caricamento