Picchia la moglie e rapina un corriere, poi fugge da Latina. Rintracciato e arrestato a Roma

L'uomo, 45 anni, si era rifugiato in casa di un amico. Era uscito dal carcere solo lo scorso novembre

Ha picchiato la moglie e rapinato un corriere. Poi è fuggito dalla città rifugiandosi da un amico. E' accaduto a Latina e l'episodio risale all'8 marzo scorso, quando Alessandro L., 45 anni, uscito dal carcere solo a novembre scorso dopo aver scontato una condanna per violenza sessuale di gruppo, ha aggredito la moglie. La donna, andata via di casa spaventata, ha raggiunto la caserma dei carabinieri di Aprilia ed è stata poi collocata in una struttura protetta.

L'uomo poco dopo, ha visto un mezzo della ditta Bartolini fermo lungo una strada ed è entrato in azione per rapinarlo. Ha minacciato il dipendente che era all'interno e gli ha intimato di consegnare il denaro, poi è fuggito con circa 300 euro in contanti. Nelle ore successive il 45enne si è messo in cerca della moglie e dei figli e non trovandoli si è presentato in casa di alcuni conoscenti minacciando conseguenze gravi per i familiari. A quel punto è stato denunciato tutto alla polizia e gli investigatori della squadra mobile, dopo aver rintracciato anche la vittima della rapina, si sono messi alla ricerca dell'uomo. 

Il 45enne è stato rintracciato solo dopo diversi giorni a Roma, in zona Colli Albani. Si era rifugiato in casa di un amico sapendo di essere ricercato. E' finito di nuovo agli arresti per atti persecutori, rapina e minacce.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fondi: il panettone di Ferdinando Tammetta è tra i migliori 15 d’Italia

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Calendario scolastico 2019/2020: quando si torna in classe, le festività e i ponti

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento