A Latina poche multe e 9,9 milioni di arretrati non riscossi, la denuncia della consigliera Celentano

La consigliera di opposizione: "E’ necessario fare urgentemente un'attività di recupero  crediti mirata, se si ha veramente a cuore la città"

Poche multe a Latina per violazioni al codice della strada e il 78% non viene riscosso. La denuncia arriva dalla consigliera di opposizione del Comune di Latina Matilde Celentano. "Leggo sul Sole 24 0re - spiega - che nella città di Latina si fanno poche multe per infrazioni stradali, ma restano 9,9 milioni di arretrati non riscossi.  Quindi mi chiedo per prima cosa come mai vengono emesse poche multe? E’ evidente che di infrazioni se ne fanno tante e ogni giorno da parte dei cittadini ci sono segnalazioni di situazioni scandalose sotto l’occhio di tutti".

I comportamenti scorretti degli automobilisti sono all'ordine del giorno in ogni angolo della città. "A conti fatti - aggiunge la consigliera Celentano - si posteggia incivilmente dove capita, addirittura sui posti per disabili, in spregio a qualunque regola .A Latina non esiste e non esisterà mai l’educazione civica. E dove sono le istituzioni per evitare questo degrado? Mi chiedo poi cosa si sta facendo per recuperare i 9,9 milioni non riscossi? E’ un tesoretto che potrebbe essere utile da investire sulle strade, sulle infrastrutture ,sulle scuole o sugli impianti sportivi. E’ necessario fare urgentemente un'attività di recupero  crediti mirata, se si ha veramente a cuore la città, perché  solo in questo modo si avrà la reale possibilità di fare degli investimenti mirati e seri ,che consentirebbero un effettivo  sviluppo della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

Torna su
LatinaToday è in caricamento