Latina, tentata estorsione e pestaggio al Nicolosi: due in manette

L'episodio risale allo scorso luglio. Gli investigatori della squadra mobile hanno individuato i responsabili della violenta aggressione a un brasiliano

Due cittadini algerini, di 36 e 33 anni, sono stati arrestati a Latina dalla Squadra Mobile in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Latina Giorgia Castriota. I due, irregolari sul territorio italiani ed entrambi destinatari di un decreto di espulsione, sono ritenuti responsabili di una tentata estorsione, di lesioni e danneggiamento in concorso ai danni di un giovane sudamerciano. L'episodio risale allo scorso 20 luglio, avvenuto nel quartiere Nicolosi.

L'attività di indagine degli investigatori della III sezione della Mobile è scattata dopo una brutale aggressione subita da un brasiliano. I due algerini sottoposti agli arresti, insieme ad altri due nordafricani al momento ancora ignoti intorno alle 20 del 20 luglio scorso hanno avvicinato la vittima chiedendo con insistenza denaro per comprare una birra. L'uomo ha rifiutato ed  è stato aggredito con calci e pugni che gli hanno procurato contusioni multiple in diverse zone del corpo la rottura di due denti e segni di morsi sul dorso.

Dopo l'aggressione, terrorizzato dalla possibilità di imbattersi nuovamente nei suoi aggressori, il giovane insieme alla sua famiglia ha deciso di spostare la propria abitazione in un’altra zona della città, dato che per raggiungere casa dopo il lavoro era costretto a spostarsi a piedi e a passare proprio per la zona delle autolinee, dove aveva subito il pestaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie agli elementi di indagine raccolti dagli investigatori due degli aggressori sono stati identificati, Si tratta di Alì Mokarani, 36 anni, e di Mouhamed Bougtouta, 33. L’indagine rientra nella strategia di contrasto messa in campo dalla Questura, valorizzando quanto più possibile una forte sinergia tra le attività di controllo del territorio con quelle repressive dei reati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

  • Coronavirus: in provincia nessun nuovo caso, 11 pazienti nel Lazio e un decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento