Rifiuti, ecco il piano industriale di Abc: investimenti per 14 milioni e nessun aumento in bolletta

Ammonta a 12 milioni il mutuo chiesto a Cassa Depositi e Prestiti; 10 milioni di investimenti per l’acquisto di 108 nuovi mezzi

È stato discusso oggi il piano industriale dell'azienda speciale Abc. In commissione Ambiente erano presenti il direttore Silvio Ascoli, i componenti del cda ed anche i rappresentanti di Contarina, la società trevigiana di gestione servizi ambientali che si è occupata della redazione del documento, gli assessori Lessio e Proietti insieme ai dirigenti di settore.

Il piano industriale è stato sviluppato dalla spa trevigiana in sei mesi di lavoro molto intenso, in stretta collaborazione con Abc e con gli uffici comunali, perché fosse coerente con l’indirizzo politico dato dal consiglio comunale. Si parla di investimenti per 14 milioni, mentre a 12 milioni ammonta il mutuo chiesto a Cassa Depositi e Prestiti; 10 milioni di investimenti per l’acquisto di nuovi mezzi, 4 milioni di fondi saranno impiegati per le attrezzature come mastelli, bidoncini, bidoni carrellati, materiali di consumo e transponder per identificare in modo univoco ogni singola utenza. Allo stato attuale non si prevede un aumento del Pef, e quindi delle bollette.

Il principio base sul quale si struttura la raccolta differenziata è quello della tariffa puntuale: il cittadino pagherà solo i rifiuti che produce. “Un aspetto importante di questo nuovo sistema è che, una volta a regime, rappresenterà un risparmio anche per le casse comunali e, di conseguenza, per i contribuenti. Oggi – spiega il capogruppo di Latina Bene Comune e presidente della commissione Ambiente Dario Bellini – siamo al 30% di raccolta differenziata: ogni punto in più rappresenta per il Comune un risparmio di 80mila euro; Latina spende oggi oltre 8 milioni per conferire l’indifferenziato: a regime sarà 3 milioni”.

Note positive anche per i lavoratori. Sotto il profilo della sicurezza, grazie all’acquisto di 108 nuovi mezzi, scelti anche in base a caratteristiche di funzionalità che possano agevolare le fasi del lavoro degli operai. Dal punto di vista delle stabilizzazioni, si passerà da 164 a 209 operatori. “Il gruppo di Lbc – affermano i consiglieri – è soddisfatto del lavoro svolto sul piano industriale, ma anche di quello svolto da uffici e azienda, con il coordinamento della politica, sulle criticità di volta in volta incontrate. C’è un monitoraggio quotidiano sulle attività: ad esempio, proprio ieri l’amministrazione ha chiesto al direttore una dettagliata relazione sull’ufficio gare e affidamenti dopo una segnalazione sollevata dai revisori dei conti di Abc. Quello che viene fatto è un lavoro attento e congiunto e sta dando i suoi frutti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento