Spaccio di droga e reati contro il patrimonio, arrestati due pluripregiudicati

Il primo deve scontare una condanna definitiva, il secondo era agli arresti domiciliari e spacciava

Due pluripregiudicati sono stati arrestati ieri a Latina dagli agenti della Questura. Il primo, D. N. A., 50enne originario di Tricase in provincia di Lecce, era già agli arresti domiciliari ma deve scontare una condanna definitiva di due anni e otto mesi di reclusione in seguito ad una sentenza emessa a settembre scorso dalla Corte di Appello di Roma.  L’uomo ha un curriculum di tutto rispetto avendo numerosi precedenti per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e contro il patrimonio, in particolare furti e rapine. Ad agosto dello scorso anno era stato nuovamente arrestato dagli uomini della Questura di Latina dopo essere stato colto in flagranza intento a spacciare droga ed in possesso di 150 grammi di cocaina.

Sempre nella giornata di ieri è stato arrestato U.C. 62enne originario di Cagliari con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti: ad ottobre scorso era stato sottoposto ad un controllo di polizia mentre si trovava agli arresti domiciliari ed era stato trovato in possesso di 65 grammi di marijuana. Così gli investigatori della Polizia hanno chiesto al Magistrato di Sorveglianza di Roma l’aggravamento della misura degli arresti domiciliari. Il provvedimento richiesto è arrivato ieri e per l’uomo si sono riaperte le porte del carcere di via Aspromonte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Latina, due rapine in un'ora: colpiti un alimentari e un tabaccaio. Pestaggio al titolare

  • Pontina, colpito da un malore mentre è alla guida, muore un automobilista

  • Mega incidente sull'Appia a Sabaudia, auto si ribalta: sei feriti

  • Traffico di auto e trattori rubati: altro colpo della polizia stradale alla banda

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

Torna su
LatinaToday è in caricamento