Precari Asl, Casati: "Entro il 2020 problema definitivamente risolto"

Lo annuncia il direttore della Asl Giorgio Casati. Oggi pubblicato un bando per 3 persone, nei prossimi giorni altri due avvisi per 300

"Entro la primavera del 2020 il problema dei precari sarà definitivamente risolto, sempre che tutti remino nella stessa direzione". Lo annuncia il direttore generale della Asl pontina Giorgio Casati, parlando questa mattina all'agenzia Dire a margine di una seduta della commissione Sanità  che si è tenuta in Consiglio regionale del Lazio. Il direttore generale ha fissato dunque la dead line per la completa risoluzione della questione legata ai precari della Asl di Latina, che ne ha già stabilizzati 100 e sta intraprendendo i percorsi adeguati per fare lo stesso con altri 400 tra dirigenti, medici e infermieri.

I prossimi bandi 

"Proprio oggi è stato pubblicato sul bollettino regionale il bando che interessa circa 83 persone, che entro un mese e mezzo saranno stabilizzate - ha spiegato Casati - Dopodomani saranno pubblicati i primi bandi per i cosiddetti commi 2 della legge Madia, pari a circa 300 persone. Abbiamo programmato che entro tre mesi e mezzo dovremmo riuscire a gestire questi nuovi bandi e arrivare alle graduatorie, nel frattempo, di concerto con la Regione, procederemo con gli altri bandi". L'ipotesi "è che si arrivi a chiudere il percorso complessivo entro il 2019 con le graduatorie per tutte le categorie di precar - ha aggiunto Casati - Questo non significa la stabilizzazione ma utilizzeremo le graduatorie in modo massivo nel 2019, compatibilmente col budget assunzionale a disposizione, e quello che rimarrà come residuo sarà stabilizzato nei primi mesi del 2020". Parallelamente la Asl di Latina sta lavorando anche sul fronte delle assunzioni a tempo determinato, soprattutto in vista dell'estate: "Stiamo verificando -ha concluso il direttore generale - quante persone avremo bisogno per garantire le ferie a tutto il personale e quindi fare le assunzioni necessarie per non chiudere i servizi anche questa estate, come abbiamo fatto nel 2018".

Simeone (FI): "Gli operatori meritano risposte certe"

All'audizione del direttore generale della Asl hanno partecipato anche, in rappresentanza dell’assessorato regionale alla sanità Egidio Schiavetti e Barbara Solinas dirigente dell’area risorse umane della direzione regionale salute e integrazione socio sanitaria della Regione Lazio. “Definire le procedure amministrative per la stabilizzazione del personale precario dell’Asl di Latina entro ottobre 2019. L’auspicio è che il personale medico, infermieristico, tecnico e ausiliario, possa conoscere entro la fine dell’anno il proprio destino professionale” ha dichiarato Giuseppe Simeone, presidente della commissione Sanità. “La vicenda - spiega il consigliere di Forza Italia - riguarda numerosi operatori dei nostri ospedali, che meritano di avere risposte adeguate e certe. Il problema deve essere risolto con urgenza. Da quasi tre anni va avanti una situazione insostenibile per una parte consistente del personale ospedaliero della provincia pontina. Tante le professionalità che hanno dovuto fare sacrifici per colmare i tanti gap esistenti nella sanità, garantendo l’erogazione di prestazioni fondamentali di assistenza ai nostri cittadini. In troppi chiedono ancora risposte chiare. Occorre mantenere alta l’attenzione e credo sia urgente che la Asl di Latina percorra l’iter nel modo più celere possibile. Il direttore generale Giorgio Casati ci ha assicurato che le procedure saranno completate nell’arco di 8 mesi, a partire da adesso. Ho ricordato al manager Asl che l’azienda di Latina quanto a stabilizzazioni del personale è ben al di sotto della media regionale".

Forte (Pd): "Certezze sulle procedure in corso"

"Si tratta di una notizia importante - commenta anche il consigliere regionale del Pd Enrico Forte - che testimonia tutta la volontà da parte dei soggetti coinvolti di porre fine all’annosa problematica del precariato in sanità. Durante l’audizione ho chiesto che venga rispettato il cronoprogramma per la stabilizzazione e che vi siano certezze per le procedure in corso. Inoltre ho sollevato alcune questioni relative ai servizi erogati dall’azienda sanitaria pontina, come l’emergenza estiva, chiedendo alla Asl di adoperarsi affinchè si evitino le croniche sofferenze di personale nel momento in cui, nella nostra provincia, le presenze aumentano a dismisura creando disagi alla cittadinanza ed agli stessi operatori costretti ad affrontare un grande carico di lavoro. Ho invitato infine, il presidente della commissione Sanità ad indire al più presto una seduta straordinaria, alla presenza del dirigente del dipartimento Sanità della Regione, per aprire una discussione sulla quota capitaria che vede la Asl di Latina fortemente penalizzata".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Picchia la ex moglie in strada e minaccia il figlio minorenne: bloccato dalla polizia

  • Cronaca

    Furto sventato alla Wurth: arriva la polizia e i ladri abbandonano 50mila euro di refurtiva

  • Cronaca

    Pestaggio in strada a Pontinia, l'aggressore incastrato dalla tuta: rintracciato e denunciato

  • Cronaca

    Terracina: si allontana da casa e sparisce, ritrovata in Puglia dopo intense ricerche

I più letti della settimana

  • Polizia in zona pub, rifiuta il drug test e chiama il suo avvocato: lui arriva ubriaco

  • Operazione San Valentino, banda dei furti in villa in manette: i nomi degli arrestati

  • Carni invase dalla muffa nella cella frigorifera: caseificio aziendale chiuso dai Nas

  • Parco dei Monti Aurunci, straordinario avvistamento di un gatto selvatico

  • Latina, sgominata la banda dei furti in villa: dieci arresti

  • Traffico illecito di rifiuti: sottratti a Roma e rivenduti al centro rottami di Cisterna

Torna su
LatinaToday è in caricamento