Rapina ai magazzini Maurys di Latina, dopo dieci anni arriva l’assoluzione definitiva

Davide Artusa era stato arrestato e condannato in primo grado, verdetto ribaltato grazie all’esame del Dna sul passamontagna

E’ arrivata a distanza di dieci anni dai fatti la sentenza per la rapina ai magazzini Maurys di Latina del 14 novembre 2009 quando due persone, armate e con il volto coperto, all’orario di chiusura avevano fatto irruzione nell’esercizio commerciale e costretto le cassiere a consegnare loro circa 3.400 euro in contanti.

Le indagini avevano portato all’arresto di due pregiudicati di Latina, Mauro Mengoni e Davide Artusa, riconosciuti come gli autori da alcuni testimoni.

Artusa venne condannato in via definitiva a due anni e sette mesi di reclusione per rapina aggravata i suoi legali, recuperata la documentazione processuale e verificato come effettivamente il quadro probatorio fosse assai carente, avevano presentato istanza per la revisione del processo a Perugia, dove il caso è stato riaperto e disposto un nuovo esame del Dna sul passamontagna caduto ai rapinatori durante la fuga e sequestrato all’epoca dei fatti dalla Polizia.

L’esame ha confermato che il Dna non apparteneva a Davide Artusa, elemento che ha ribaltato il verdetto: la Corte di Appello  dopo una lunga camera di consiglio ha infatti emesso una sentenza di assoluzione.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento