homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sequestrato l'invaso S8 della discarica di Montello: più rifiuti di quelli autorizzati

La squadra mobile di Latina ha apposto i sigilli all'invaso gestito dalla società Indeco: il reato per cui si procede è di "gestione di rifiuti non autorizzata". I sigilli all'esito della perizia disposta dalla procura

La squadra mobile di Latina questa mattina ha apposto i sigilli all'invaso S8 della discarica di borgo Montello, gestito dalla società Indeco. Il provvedimento è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura, all'esito di una perizia sull'invaso in questione.

A chiedere di fare chiarezza su quella parte della discarica era stato il sostituto procuratore Luigia Spinelli: dalla perizia è emerso che l'S8 è oltre la saturazione. In questo invaso, secondo quanto accertato, avrebbero continuato ad abbancare rifiuti oltre i limiti di quanto autorizzato e previsto dalle normative regionali. 

In relazione al sequestro effettuato questa mattina il reato per cui si procede è quello previsto dall’art. 256 del decreto legislativo 152 del 2006 sull'attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

REGIONE LAZIO - "In relazione alla condizione dell'invaso S8 di Borgo Montello, la Regione precisa che, a seguito di un sopralluogo effettuato insieme agli Enti competenti per verificare i volumi in eccesso abbancati, è stata redatta una relazione, trasmessa anche alla Procura della Repubblica - si legge in una nota della Regione -. L'esaurimento dell'invaso era già noto, per questo i conferimenti sono terminati nel luglio del 2015.

Quanto alle altezze degli invasi, la vigente normativa permette l'innalzamento, e molte Regioni lo hanno regolamentato, tenendo conto della diminuzione progressiva nel tempo del volume delle sostanze organiche abbancate. Al momento è convocato un tavolo con Arpa Lazio, per normare in via definitiva le quote di abbancamento concesse ai singoli invasi."

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Bambino di 6 anni rischia di annegare in piscina: trasportato in eliambulanza a Roma

    • Cronaca

      Sicurezza, maxi operazione di controllo dei carabinieri nelle località del litorale pontino

    • Cronaca

      Piante di marijuana, coltelli e manganelli in casa: arrestato un 26enne a Terracina

    • Cronaca

      “Cisterna Estate 2016”: Massimo Ceccherini e Luca Carboni per le serate clou

    I più letti della settimana

    • Anche a Latina ed Aprilia arriva Flixbus, collegamenti con 6 città italiane

    • Incidente a Borgo Santa Maria, fuori strada con l’auto: 20enne muore in ospedale

    • Frontale tra due auto su strada Sabotino, ferite madre e figlia di 7 anni

    • Beni frutto di attività illecite, maxi confisca da un milione di euro per un 49enne

    • Sequestrato lo store Globo a Borgo Piave, sigilli del Nipaf alla struttura sulla Pontina

    • Studio dentistico abusivo sequestrato ad Itri. Professionista 50enne denunciato

    Torna su
    LatinaToday è in caricamento