menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sequestrato l'invaso S8 della discarica di Montello: più rifiuti di quelli autorizzati

La squadra mobile di Latina ha apposto i sigilli all'invaso gestito dalla società Indeco: il reato per cui si procede è di "gestione di rifiuti non autorizzata". I sigilli all'esito della perizia disposta dalla procura

La squadra mobile di Latina questa mattina ha apposto i sigilli all'invaso S8 della discarica di borgo Montello, gestito dalla società Indeco. Il provvedimento è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura, all'esito di una perizia sull'invaso in questione.

A chiedere di fare chiarezza su quella parte della discarica era stato il sostituto procuratore Luigia Spinelli: dalla perizia è emerso che l'S8 è oltre la saturazione. In questo invaso, secondo quanto accertato, avrebbero continuato ad abbancare rifiuti oltre i limiti di quanto autorizzato e previsto dalle normative regionali. 

In relazione al sequestro effettuato questa mattina il reato per cui si procede è quello previsto dall’art. 256 del decreto legislativo 152 del 2006 sull'attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

REGIONE LAZIO - "In relazione alla condizione dell'invaso S8 di Borgo Montello, la Regione precisa che, a seguito di un sopralluogo effettuato insieme agli Enti competenti per verificare i volumi in eccesso abbancati, è stata redatta una relazione, trasmessa anche alla Procura della Repubblica - si legge in una nota della Regione -. L'esaurimento dell'invaso era già noto, per questo i conferimenti sono terminati nel luglio del 2015.

Quanto alle altezze degli invasi, la vigente normativa permette l'innalzamento, e molte Regioni lo hanno regolamentato, tenendo conto della diminuzione progressiva nel tempo del volume delle sostanze organiche abbancate. Al momento è convocato un tavolo con Arpa Lazio, per normare in via definitiva le quote di abbancamento concesse ai singoli invasi."

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Tragedia alla Galleria Pennacchi, spara alla moglie e tenta di togliersi la vita

    • Cronaca

      Arrestato il 72enne che ha ucciso la moglie e poi ha tentato di togliersi la vita

    • Cronaca

      Grosso incendio in una ditta di recupero rottami a Cisterna, vigili del fuoco a lavoro per ore

    • Cronaca

      Investita da un treno in corsa, muore una donna di Latina a Bologna

    Torna su