Incertezza sul D'Annunzio: associazioni sul piede di guerra. La replica del Comune

Le scuole di danza minacciano di chiedere un risarcimento danni. Pronta arriva la risposta dell'amministrazione, che ha convocato un incontro per il 15 maggio

Un risarcimento danni in sede civile e una manifestazione programmata per mercoledì 16 maggio sotto il palazzo comunale e sotto la Prefettura. Dodici tra associazioni culturali e scuole di danza della città sono sul piede di guerra per l’agibilità del Teatro D’Annunzio e l’incertezza sul suo utilizzo.

Le associazioni riunite in un comitato (Rodolfo Di Maio – Tersicore, Valeria Vallone – Anfiteatro, Mariagrazia Tarricone - Top Dancing Latina, Valentina Zacami - Balletto di Latina, Loredana Gutturiello - Accademia Sonia Onelli, Barbara Tudini - Centro Danza Don Bosco, Roberta di Giovanni - Non Solo Danza, Martina Pinti - Dance Lab, Adriana Mancinelli - Studio Dance, Michela Musolino – Palcoscnico, Raffaella Di Vincenzo - Movimento e Danza, Simona Mariotti – Isadora) scrivono quindi nero su bianco: “La vergognosa situazione che riguarda il teatro D’Annunzio di Latina – scrivono - è motivo di estrema preoccupazione per noi operatrici e operatori della danza e della cultura così come per tutti i cittadini del capoluogo pontino. Assistere, nell’incertezza quotidiana, al rincorrersi di voci e notizie di stampa sull’agibilità del Teatro aperto a giorni alterni - quasi esclusivamente per manifestazioni che ‘interessano’ questa amministrazione comunale e gli esponenti politici che la sostengono - è una situazione inaccettabile per la città di Latina e per tutti noi”.

Le scuole di danza, in rappresentanza di migliaia di iscritti e delle loro famiglie (circa 10mila persone), avevano richiesto e ottenuto di poter usufruire a pagamento, dal 2 giugno al 15 Luglio,  del Teatro D’Annunzio per mettere in scena, come ogni anno, i saggi finali delle proprie attività. “Appuntamenti – precisano - che nella comunità cittadina rappresentano oramai una vera tradizione, oltre che un momento di altissima visibilità per le nostre ballerine e i nostri ballerini che in quei giorni hanno anche l’opportunità di esibirsi sul palcoscenico davanti ai rappresentati delle migliori accademie del paese. Tutto ciò per non parlare poi del numeroso pubblico richiamato (circa 35mila persone) e dell’indotto economico sviluppato da questi spettacoli con l’ingaggio di costumisti, scenografi, tecnici di scena, delle luci e del suono con cui le nostre scuole si sono anche impegnate contrattualmente, acquistando inoltre materiali di scena per svariate miglia di euro”. 

Una vera e propria boccata d’ossigeno per gli operatori della cultura della nostra città, sempre più in crisi, oltre che per le casse comunali che con questi spettacoli potrebbero incamerare quasi 45mila euro a fronte dell’utilizzo di una struttura in cui non funzionano nemmeno l’aria condizionata e i motori di scena.

“Far saltare per incompetenza o sottovalutazione del ‘problema-teatro’ questi spettacoli sarebbe una tripla beffa: per i ragazzi e le loro famiglie – spiega il comitato - oltre che per noi operatori del settore, ma anche e sopratutto per le casse comunali. Siamo infatti intenzionati ad andare fino in questa vicenda, dando mandato ai nostri legali di chiedere al Comune il risarcimento danni in sede civile, mentre già da oggi annunciamo per mercoledì 16 Maggio una manifestazione spontanea sotto il Palazzo Comunale e sotto la Prefettura.È ora che Latina apra gli occhi su un’amministrazione che opera esclusivamente per i propri interessi nel campo della cultura e ignora chi ogni giorno si spende per la crescita della città solo perché non allineato all’ortodossia di Lbc”.

La replica del Comune: "Gli spettacoli si faranno"

Pronta arriva la risposta dell'amministrazione comunale: "In merito alle indicazioni prescrittive in arrivo dal comando dei vigili del fuoco per ulteriori interventi da eseguire al teatro D’Annunzio - si legge nel comunicato - il sindaco Damiano Coletta incontrerà i rappresentanti delle scuole e delle associazioni di danza dopo una riunione tecnica convocata per martedì 15 maggio, utile a programmare la documentazione e gli interventi richiesti. Il primo cittadino, con una rappresentante delle associazioni interessate, ha già assunto l'impegno a garantire il regolare svolgimento degli spettacoli così come programmati".

Potrebbe interessarti

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Saldi estivi 2019, manca poco al via. Ecco quando iniziano a Latina e nel Lazio

  • Latina, la Diocesi comunica le nuove nomine dei parroci e i trasferimenti

  • "Tavolata senza muri": Latina tra le 25 città italiane ad ospitare l'iniziativa

I più letti della settimana

  • Ex lavoratore Meccano suicida a Cisterna, la rabbia degli amici e colleghi

  • Il mare delle Isole Ponziane e quello della Riviera d’Ulisse tra i più belli d’Italia

  • Omicidio a Cisterna, "Elisa era il sole". Oggi una veglia per ricordare la 35enne uccisa

  • Tragedia a Formia: un ragazzo muore annegato mentre fa il bagno

  • Terracina, identificato il giovane trovato morto nel canale. Proseguono le indagini

  • Giovane migrante si tuffa in mare e soccorre due bambini

Torna su
LatinaToday è in caricamento