Maltempo a Cisterna, scuole danneggiate: conclusi i sopralluoghi, iniziano i lavori

Visitate le scuole di Prato Cesarino, Isola Bella e Cambellotti del quartiere San Valentino. Gli uffici sono al anche per il crollo del muro condominiale di Collina dei Pini

Sono stati effettuati i sopralluoghi di tecnici e amministratori nei due plessi di Cisterna danneggiati a causa del maltempo dei giorni scorsi. Ieri la Giunta ha visitato le scuole di Prato Cesarino, Isola Bella e Cambellotti del quartiere San Valentino, plessi dove si sono verificati i danni maggiori.

Insieme ai referenti degli uffici competenti, è stato stilato un programma di interventi per risolvere le criticità. Gli uffici sono al anche per il crollo del muro condominiale di Collina dei Pini, struttura privata adiacente l’ingresso alla scuola Bellardini per la quale è stata predisposta un’ordinanza per il ripristino funzionale dell’area ad opera del condominio proprietario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavori pronti a partire anche sul cimitero comunale, dove il nubifragio ha provocato diversi danni. “Tutta la giunta, ognuno per quanto di competenza, sta lavorando per superare questa fase di emergenza e ridurre al minimo i disagi per studenti, personale scolastico e tutti gli altri cittadini – assicura il sindaco Mauro Carturan - Nel frattempo, i consiglieri di minoranza si contendono su social e stampa il primato di Cassandra più lungimirante. A loro dico che noi, dello stato pietoso delle scuole e del cimitero di Cisterna, ne parlavamo già in campagna elettorale. E nessuno meglio di noi sa quanto c’è da fare per ricostruire questa città devastata da anni di incuria e malgoverno. Ad esempio, il Pd e Del Prete, chiedessero conto ai loro alleati del male fatto a Cisterna in questi anni. In cinque mesi non si possono risolvere i problemi accumulati in un decennio di buio. In ogni caso, noi continuiamo a lavorare convinti che questa città abbia ancora speranza, gli altri continuassero pure a presagire sventure e a farsi sciacalli del terrore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento