Muore mentre spala la neve, prima vittima del maltempo in provincia

È accaduto a Sezze dove un pensionato di 66 anni è deceduto mentre cercava di liberare dal manto bianco la strada davanti la sua abitazione. È spirato durante il trasporto in ospedale

Prima vittima della provincia pontina a causa del maltempo. È accaduto questa mattina a Sezze, dove un signore ha perso la vita, colto da infarto, proprio mentre spalava via la neve.

Le abbondanti precipitazioni che nel week end, così come anche nella scorsa settimana, si sono riversate soprattutto nelle zone montuose ha spesso richiesto l’intervento di singoli cittadini che, con grande impegno, hanno aiutato i volontari della protezione civile a liberare le strade dal manto bianco che le aveva ricoperte.

E questa mattina intorno alle 10, grazie anche alla tregua concessa dalla neve che da qualche ora aveva cessato di scendre, Mario D. M., pensionato di 66 anni, stava cercando di liberare la strada davanti l’ingresso della sua abitazione, in via Villa Petrara nel centro abitato, quando il suo cuore, a causa dell’eccessivo sforzo, ha cessato di battere. L’uomo, stroncato da un infarto, si è accasciato a terra; nonostante il tempestivo arrivo dei sanitari del 118 per lui non c’è stato niente da fare, è deceduto durante il trasferimento in ospedale.

Intanto in quasi tutta la provincia pontina l’allerta per il maltempo sembra rientrata. Nelle ultime ore non si sono registrate precipitazioni, piovose nel capoluogo e a carattere nevoso sui monti.

Lepini e Ausoni  risultano, però, ancora imbiancati a causa degli abbondanti fiocchi che sono caduti durante il fine settimana. Ancora una volta sono Lenola, Campodimele e Roccasecca ad aver fatto registrare le maggiori difficoltà soprattutto nella circolazione e nella viabilità, così come anche Norma, Cori, Bassiano e la stessa Sezze.

A Bassiano, che ancora presenta una trentina di centimetri di neve, la situazione va migliorando, così come anche a Sezze, dove da domani le scuole dovrebbero riaprire dopo le chiusure dei giorni scorsi disposti dal sindaco Andrea Campoli con un’apposita ordinanza.

Anche in pianura l’emergenza sembra rientrata; permane per ora, però, in tutta la provincia l’allerta ghiaccio. Nonostante nella giornata di oggi sia spuntato un timido sole, le temperature rimangono ancora molto rigide e, soprattutto durante la notte o nelle prime ore della mattinata, potrebbero formarsi degli strati di ghiaccio che possono generare delle difficoltà soprattutto a quanti si mettono alla guida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i prossimi giorni, secondo le previsioni, le condizioni dovrebbero continuare a migliorare. Che sia la volta buona per lasciarsi alle spalle questa tremenda ondata di maltempo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento