Maltrattamenti in casa di riposo, Regione Lazio: "Occorre una nuova normativa"

Il caso riguarda una residenza a Roccagorga, ora sequestrata dai carabinieri del Nas di Latina

Sull'operazione del Nas di Latina che ha portato a sette arresti e al sequestro di una casa di riposo per anziani a Roccagorga interviene anche la Regione Lazio, per voce degli assessori alla Sanità e all'Integrazione socio sanitaria Alessio D'Amato e alle politiche sociali Alessandra Troncarelli. 

“Il caso della signora disabile che ha subito maltrattamenti in una struttura ricettiva per anziani nella provincia di Latina - commentano gli assessori regionali - sottolinea ancora una volta la necessità di rivedere la normativa sull’attività autorizzativa e dei controlli. L’anziana infatti, se come si apprende non era autosufficiente, non doveva stare in quella struttura ma piuttosto in una RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale) con personale medico ed infermieristico. Le norme che regolano le Case di Riposo e le Comunità alloggio devono essere ridisegnate in maniera più stringente e per questi motivi porteremo a breve una modifica delle normative”.

Potrebbe interessarti

  • Tiziano Ferro, prima foto social insieme al marito Victor Allen

  • Ponza su Rai5: la perla del Tirreno rivive tra le immagini e i racconti degli isolani

  • Alla scoperta del lago di Fogliano con i carabinieri forestali: l'appuntamento il 25 agosto

  • Aprilia, in moto la macchina organizzativa per la Festa di San Michele Arcangelo

I più letti della settimana

  • Terracina: cadavere di un uomo affiora nelle acque del canale

  • Formia, malore dopo l'intervento di bendaggio gastrico: muore a 33 anni

  • Ritrovato il cadavere di un uomo in un'azienda su via dei Monti Lepini

  • Gaeta, turista beffato: i ladri gli fanno a pezzi l'auto parcheggiata sul litorale

  • Priverno, si sente male mentre lavora nel cantiere: muore un operaio di 38 anni

  • Tiziano Ferro, prima foto social insieme al marito Victor Allen

Torna su
LatinaToday è in caricamento