Presentato il “Manifesto dei Medici della Provincia di Latina sulle Vaccinazioni”

Rivolto ai genitori, e contiene dieci semplici “precisazioni” che rispondono in maniera semplice, alle più frequenti perplessità e dubbi. LA presentazione nel corso del convegno per i 25 anni della scomparsa di Albert Bruce Sabin

(foto di Gianfranco Compagno)

C’è stata nel pomeriggio di ieri, 14 settembre, a Latina la cerimonia per i 25 anni della scomparsa di Albert Bruce Sabin, organizzata oggi dall’Ordine dei Medici e degli odontoiatri della provincia. Una manifestazione che si è articolata in due momenti. Prima del convegno in Comune, è stato riposizionato il restaurato cippo, posto nel 1995 dall’International Inner Wheeldi Latina, ai piedi della quercia dedicata all’immunologo che ha debellato la poliomielite. La targa è tornata nella sede d’origine, nell’area del mercatino di via Verdi, di fronte l’Ospedale Santa Maria Goretti, con l’aiuto del sindaco Damiano Coletta e della presidente dell’Inner Wheeldi Latina Giuliana Loiero Piattella, alla presenza di chi, con un semplice gesto, ha voluto ricordare il grande ricercatore. 

convegno_vaccini_sabin_latina-2

A seguire il convegno nella sala De Pasquale del palazzo comunale, dove si sono ripercorse le tappe salienti della scoperta di Sabin e degli effetti del Vaccino Antipolio in uso fin dagli anni ’60. A tracciare il profilo delle figure di Salk e di Sabin Giovanni Cerimoniale, segretario della Federazione Italiana Medici Pediatri di Latina. Ad illustrare la situazione attuale, cosa spaventa, la  normativa internazionale sulle vaccinazioni e  sull’obbligo  vaccinale, Aida Recchia dirigente medico del Servizio Vaccinazioni Distretto 2 UOC Assistenza Primaria ASL. E’ stato invece Sergio Renzo Morandini a presentare il “Manifesto dei Medici della Provincia di Latina sulle Vaccinazioni” (nella foto in basso) redatto dai medici di Medicina preventiva, in Pediatria e in Igiene. Il manifesto, sottoscritto da diversi albi professionali, ordini e molte associazioni, è rivolto ai genitori, e contiene dieci semplici “precisazioni” che rispondono in maniera semplice, alle più frequenti perplessità e dubbi che assalgono l’adulto quando deve decidere dalla salute e del futuro dei propri figli. 

Fra i passaggi cruciali il punto tre del manifesto che sottolinea: “Si afferma che il bambino piccolo non va sottoposto allo ‘stress’ delle vaccinazioni che andrebbero rinviate dopo i sei mesi di età: è un’affermazione errata e pericolosa. Nella realtà i neonati (sia nati a termine che prematuri) possiedono un sistema immunitario che permette loro di essere vaccinati a partire dal 61° giorno di vita. In questo modo li proteggiamo il più presto possibile”. L’attenzione è stata puntata anche sul punto sei: “Una persona vaccinata difende il proprio stato di salute e rappresenta una garanzia per la collettività della quale fa parte, perché non può trasmettere gravi malattie. Invece la persona non vaccinata vive in una condizione di pericolo per sé e per gli altri, dato che lui può trasmettere malattie”. 

Toccanti le testimonianze di Amelia Vitiello la mamma di Alessia, la bimba morta a 18 mesi per una meningite fulminante, di Giuseppe Morandini che a cinque anni è sopravvissuto ad un’infezione da tetano e di Ida Ferrari, affetta da poliomielite e che ora fa i conti con le conseguenze a lungo termine della malattia che ogni giorno la debilita e immobilizza di più. A sottolineare l’importanza delle testimonianze, il vice presidente dell’Ordine Rita Salvatori che ha presentato il convegno rivolto ai medici della provincia di Latina in programma per oggi dal titolo “Le conseguenze nell’adulto della mancata vaccinazione”. 

La cerimonia si è popi conclusa con il concerto per fiati dell’Apeiron Sax Quartet, solista al clarinetto il Maestro Marino Cappelletti.  

manifesto_medici_vaccini-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento