Mare Terracina: Arpa: 2 aree non balneabili, buono il resto della costa

Analisi chimiche sul litorale di Terracina; off limits solo le acque prospicienti il porto e quelle in corrispondenza della foce del Fiume Portatore. Positivi i risultati sul resto della costa

Buone notizie per il mare di Terracina. Secondo le analisi effettuate dall’Arpa Lazio sull’intero litorale solo due tratti sarebbero off limits, vedendosi imporre il divieto di balneazione, mentre per il resto della costa i risultati sono stati positivi.

“L’Arpa Lazio ci ha consegnato i dati ufficiali delle analisi chimiche effettuate alle acque del nostro mare, le quali attestano che non sono balneabili le acque prospicienti il porto di Terracina - depuratore di via Delle Cave, e quelle in corrispondenza della foce del Fiume Portatore" ha dichiarato il sindaco di Terracina, Nicola Procaccini.

Sui rimanti tratti di mare l’Arpa Lazio ha riscontrano grandi e positivi risultati, ottenuti in virtù di una corretta ed efficiente depurazione delle acque. Dai 1.000 metri di uno storico divieto posto alla sinistra del Fiume Portatore si è scesi a 250 metri; dei 1.300 metri posti alla destra dello stesso Fiume Portatore oggi il divieto di balneazione è posto a soli 250 metri. Rispetto a queste fisiologiche interdizioni, sulle quali l’amministrazione sta lavorando per abbatterle definitivamente, l’acqua del mare di Terracina è stata definitiva dall’Agenzia regionale di protezione ambientale, eccellente sul 99% del nostro tratto di costa”.

E il primo cittadino tiene anche a precisare quello che è il costante lavoro messo in atto dal Comune. “Evidenzio inoltre che l’amministrazione comunale, rispetto alle competenze specifiche affidate per legge all’Arpa Lazio, monitora direttamente e costante la qualità delle acque del mare terracinese, conscia dell’importanza che queste rappresentano per il comparto turistico della Città. Per quelle che sono le nostre responsabilità e per la passione che poniamo affinchè turisti e residenti possano bagnarsi in tutta sicurezza, qualche volta siamo giunti a “frizioni” nei rapporti con altre istituzioni, come nel caso del Consorzio di Bonificazione dell’Agro Pontino”.

Procaccini torna poi sulla questione che ha tenuto banco negli ultimi giorni, riguardo le lamentele dei bagnanti per le acque sporche. “Per comprendere il fenomeno in corso c’è però bisogno di avere contezza che questo è causato principalmente a un’abnorme fioritura algale provocata all’aumento della temperatura del mare, che interessa l’intero Basso Tirreno. Per questo – termina il sindaco Procaccini - raccomando ai mezzi di comunicazione di porre la massima attenzione nel diffondere notizie di pseudo inquinamenti non supportate dalle analisi chimiche emesse da enti preposti, perché potrebbero rivelarsi dei boomerang gravi dal punto di vista turistico e commerciale per la nostra Città e per il comprensorio pontino”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento