Allarme tsunami sulle coste pontine: esercitazione della protezione civile

La simulazione ha interessato i comuni costieri della provincia di Latina, comprese le isole di Ventotene e Ponza

Un allarme tsunami che ha interessato i comuni costieri della provincia di Latina, comprese le isole di Ventotene e Ponza. E' l'esercitazione di protezione civile, per affrontare emergenze legate a eventuali calamità naturali, che si è svolta nella giornata di oggi, 10 ottobre, interessando diversi comuni pontini e il centro di comando di Formia.

Per quattro ore le funzioni di supporto coinvolte all'interno del Coc - Centro operativo comunale, presieduto dal sindaco Paola Villa, hanno simulato, in costante contatto con la Prefettura di Latina e la sala operativa regionale della Protezione civile, le operazioni di risposta e di azioni emergenziali da mettere in atto per fronteggiare un'allerta maremoto.

Durante le operazioni, supervisionate da Gabriella Casertano della Protezione Civile eegionale, gli enti coinvolti si sono contraddistinti per aver collaborato e aver attivato la rete di forze dell’ordine e di volontari necessaria a dare la corretta e funzionale risposta all’emergenza.

L'attività a Terracina 

L'esercitazione anti-tsunami ha interessato anche il territorio di Terracina puntando a testare l’efficienza dei flussi di comunicazione (in gergo ‘table top’) tra i Centri Operativi Comunali e Prefettura, gestiti dal vicesindaco reggente Roberta Tintari e dal comandante della Polizia Locale Michele Orlando, alla presenza di un funzionario dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile. Alle 9,37 un messaggio di Allerta Arancione della Prefettura avvisava di un forte sisma al largo delle Isole Eolie e innescava l’attivazione del Coc che riuniva sotto il coordinamento del sindaco tutte le funzioni e le operazioni da porre in essere. Alle 10,07 un nuovo messaggio simulava l’approssimarsi di un’onda di maremoto alta 7 metri registrata presso la stazione di rilevamento di Ponza. In coordinamento con la Prefettura e la Sala Operativa Regionale è partita l’allerta per la popolazione e la simulazione delle operazioni di evacuazione di 5000 persone (tra cui soggetti deboli come minori e disabili) all’interno della Zona Rossa e la loro messa in sicurezza in aree di raccolta. Sono state quindi avviate le richieste di fornitura alla Regione di tende e strutture di ricovero e assistenza per gli evacuati, seguite da una prima verifica dei danni. Alle 13,40 è l’esercitazione con la dichiarazione di perfetta riuscita.

“È stata una mattinata molto coinvolgente – afferma il vicesindaco reggente Tintari – che ha inevitabilmente richiamato alla mente i fatti del 29 ottobre scorso. Proprio alla luce di quell’esperienza trovo importantissimo prepararsi a situazioni di grande rischio e fare il massimo per garantire la sicurezza dei nostri cittadini. Ho potuto apprezzare la preparazione delle strutture preposte e ho sentito una forte responsabilità su di me che mi ha comunque spronato a dare il meglio ed essere particolarmente concentrata. Tutti i soggetti coinvolti, pur essendo un’esercitazione, hanno assunto un atteggiamento di grande professionalità e responsabilità perchè è chiaro ad ognuno di noi che per evitare il peggio bisogna prepararsi al peggio. Ringrazio il Comandante Orlando e tutto il personale della Protezione Civile e della Polizia Locale impegnato, così come la Prefettura di Latina e l’Agenzia Regionale di Protezione Civile per questa occasione, a cui ne seguiranno altre, di collaudare le misure di sicurezza fondamentali per tutti noi”. Il Ten. Col. Orlando ha voluto sottolineare come “il sistema ha funzionato bene. Il prossimo 5 novembre si terrà un incontro in Prefettura per valutare nei dettagli l’esercitazione e analizzare le criticità. Le esperienze recenti ci hanno insegnato che c’è un grande lavoro da fare e che non si può mai abbassare la guardia. Dobbiamo essere pronti a qualunque evenienza sperando che non ci sia mai bisogno dell’applicazione di queste misure”.   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Incidente al Piccarello, schianto fra auto: due bambine in ospedale. Strada chiusa

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento