Migranti in hotel: la bufala infiamma i social. Smentite ufficiali e rischio denuncia

L'allarme si era diffuso ieri, sabato 21 ottobre, attraverso Facebook e riguardava l'Hotel Maggiora di via dei Volsini. Il caso ha costretto Comune, Prefettura e Polizia locale a Intervenire

Una bufala diffusa su internet ha messo la città in subbuglio ieri, sabato 21 ottobre, costringendo la polizia locale e l'amministrazione comunale di Latina a intervenire. La falsa notizia riguardava il presunto arrivo di un gruppo di migranti all'Hotel Maggiora di via dei Volsini. Chi aveva diffuso la news aveva anche invitato i residenti della zona a manifestare il proprio dissenso. Non sono bastate però le smentite da parte della stessa struttura alberghiera, della Prefettura che si occupa di gestire l'accoglienza dei migranti, e poi da parte del Comune.

La bufala ha tenuto banco per l'intera giornata di sabato, costringendo poi l'amministrazione a una smentita ufficiale attraverso un comunicato stampa: "Con riferimento alla falsa notizia diffusa sui social network circa la volontà del Comune di Latina di collocare extracomunitari presso l’Hotel Maggiora in zona Piccarello, l’amministrazione smentisce categoricamente tale circostanza. Della questione sono state già informate la Prefettura e la Questura di Latina in quanto potrebbe configurarsi l’ipotesi di procurato allarme. Il Comando dei Vigili Urbani del Comune, inoltre, ha effettuato un sopralluogo senza rilevare la presenza di soggetti extracomunitari. Tali operazioni alimentano artatamente il clima già esasperato sul tema dell’immigrazione e non solo, azioni che l’amministrazione combatte tutti i giorni nell’interesse della diffusione della verità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Trovato con cocaina e hascisc ammette tutto: "Dovevo pagare debiti di droga"

Torna su
LatinaToday è in caricamento