Minaccia di morte un’operatrice del centro di accoglienza, arrestato. Voleva essere ospitato

In manette a Norma un 36enne di origini nigeriane al quale era stata revocata la misura di accoglienza emessa dalla Prefettura. Si è scagliato anche contro i carabinieri

Un uomo di 36 anni di origini nigeriane è finito in manette a Norma per i reati di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e per tentata estorsione. 

L’arresto in seguito all’intervento dei carabinieri presso una casa di accoglienza per richiedenti asilo. 

L’uomo, già ospite presso la struttura, nonostante la revoca della misura di accoglienza emessa dalla Prefettura di Latina, aveva minacciato di morte un’operatrice del centro chiedendo di essere ospitato. Non solo, ma all’arrivo dei carabinieri si è scagliato contro di loro ed è stato bloccato solo dopo una breve colluttazione.

Arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo.

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi 2019, manca poco al via. Ecco quando iniziano a Latina e nel Lazio

  • Fumo vietato sulla spiaggia, arriva l’ordinanza “smoke free”. Multe fino a 500 euro

  • Gaeta: al Porto Antico arriva “Seabin”, il maxi bidone galleggiante attira rifiuti

  • Arriva l’"Estate delle meraviglie": oltre 350 eventi in 150 comuni del Lazio

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Pontina, ferito un motociclista: atterra l'elisoccorso

  • Terremoto a Roma, scossa avvertita anche in alcune zone di Latina e provincia

  • Tragedia familiare sfiorata a Cisterna: madre e figli salvati dalla polizia

  • Due capodogli morti a Ponza: la mamma ha cercato di liberare il figlio da una rete da pesca

  • Blitz antidroga a Cisterna, pusher ingoia ovuli di cocaina: sequestri e arresto

  • Omicidio Marino, due pentiti raccontano in videoconferenza l’eliminazione del boss

Torna su
LatinaToday è in caricamento