Minaccia di morte un’operatrice del centro di accoglienza, arrestato. Voleva essere ospitato

In manette a Norma un 36enne di origini nigeriane al quale era stata revocata la misura di accoglienza emessa dalla Prefettura. Si è scagliato anche contro i carabinieri

Un uomo di 36 anni di origini nigeriane è finito in manette a Norma per i reati di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e per tentata estorsione. 

L’arresto in seguito all’intervento dei carabinieri presso una casa di accoglienza per richiedenti asilo. 

L’uomo, già ospite presso la struttura, nonostante la revoca della misura di accoglienza emessa dalla Prefettura di Latina, aveva minacciato di morte un’operatrice del centro chiedendo di essere ospitato. Non solo, ma all’arrivo dei carabinieri si è scagliato contro di loro ed è stato bloccato solo dopo una breve colluttazione.

Arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Operazione Commodo, la Cisl riunisce il Comitato esecutivo: "Siamo organizzazione pulita"

  • Cronaca

    Migranti sfruttati, lunedì in Tribunale gli interrogatori dei tre ai domiciliari

  • Cronaca

    Latina, banda di ladri fa esplodere il bancomat del Centro Le Torri

  • Cronaca

    Controlli a tappeto del Nas in ristoranti e locali: raffica di sequestri e attività chiuse

I più letti della settimana

  • Era in malattia per un infortunio, ma passeggiava e faceva la spesa: licenziato

  • Caporalato, arrestato il segretario provinciale di Fai Cisl. Sindacato: “Siamo sconcertati”

  • Caporalato: sgominata organizzazione. Coinvolto anche un sindacalista

  • Nonnismo, la denuncia dell'allieva Giulia contro la scuola di volo di Latina

  • Nonnismo a Latina, Samantha Cristoforetti "smonta" il caso: "Ecco il mio battesimo del volo"

  • Caporalato, operazione “Commodo” della Squadra Mobile: chi sono i sei arrestati

Torna su
LatinaToday è in caricamento