Vanta un credito e minaccia il suo debitore, poi gli distrugge l’officina con un’ascia

Denunciato un uomo di 43 anni residente a Sonnino; dopo essersi recato preso l'officina del meccanico che gli doveva dei soldi armato di ascia distrugge tutto. I fatti a Roccasecca dei Volsci

Rivendicando i soldi del credito che vantava lo ha minacciato distruggendogli l’officina meccanica. L'episodio, per il quale è stato denunciato un uomo di 43 anni residente a Sonnino, è accaduto a Roccasecca dei Volsci.

Al termine delle indagini, i carabinieri della stazione di Priverno hanno infatti identificato l’uomo. 

Secondo quanto ricostruito dai militari, il 43enne nella mattinata del 29 aprile scorso si è recato presso l’officina e, avuta la certezza della presenza del proprietario nei cui confronti vantava un credito di euro 250 circa, lo ha minacciato e armato di ascia ha danneggiato un’auto e gli arredi della struttura. 

E’ stato denunciato per esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, minaccia, danneggiamento e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

Potrebbe interessarti

  • Fumo vietato sulla spiaggia, arriva l’ordinanza “smoke free”. Multe fino a 500 euro

  • Gaeta: al Porto Antico arriva “Seabin”, il maxi bidone galleggiante attira rifiuti

  • Reddito di cittadinanza, selezione dei navigator: l’elenco dei vincitori e degli idonei

  • Decennale dell'Adunata Nazionale degli Alpini: slitta la manifestazione a Latina

I più letti della settimana

  • Terremoto a Roma, scossa avvertita anche in alcune zone di Latina e provincia

  • Mariachiara muore dopo una settimana di coma: arresto cardiaco per un intervento al naso

  • Due capodogli morti a Ponza: la mamma ha cercato di liberare il figlio da una rete da pesca

  • Omicidio Marino, due pentiti raccontano in videoconferenza l’eliminazione del boss

  • Guasto a un treno sulla Roma - Napoli, passeggeri bloccati sull'Intercity soccorsi da Trenitalia

  • Fumo vietato sulla spiaggia, arriva l’ordinanza “smoke free”. Multe fino a 500 euro

Torna su
LatinaToday è in caricamento