Minori stranieri non accompagnati: a Latina il corso per diventare tutori

Grazie a un accordo con il Consultorio diocesano familiare il percorso formativo sarà svolto a Latina. Ecco in cosa consiste

Un corso per diventare tutori di minori stranieri non accompagnati, una figura introdotta di recente da una legge nata con lo spirito di proteggere i bambini e i ragazzi che arrivano in Italia da soli fuggendo dai loro Paesi d'origine. L'attività nel Lazio è affidata al Garante per l’Infanzia e l’adolescenza, che rivolge un invito "ai privati cittadini disponibili ad esercitare la rappresentanza legale di ogni minore arrivato in Italia senza adulti di riferimento e aver cura che vengano tutelati i suoi interessi, ascoltati i suoi bisogni, coltivate le sue potenzialità e garantita la sua salute senza la presa in carico domiciliare ed economica". Per essere inseriti nell’elenco dei tutori sarà necessario seguire un corso di formazione per 30 ore, che di norma si tiene a Roma.

Grazie però ad un accordo tra il Garante regionale dell’infanzia e il Consultorio diocesano familiare, anche la città di Latina ospiterà il corso. "Noi ci sentiamo di rilanciare e promuovere questo servizio invitando uomini e donne a prenderlo in considerazione proprio come un gesto di aiuto verso chi è indifeso - ha spiegato Vincenzo Serra, presidente del Consultorio familiare - Da parte nostra ringraziamo il Garante regionale per l’Infanzia per la fiducia che ci ha dato nel volerci al suo fianco nell’organizzazione del corso a Latina". Coloro che fossero interessati a diventare “tutori” possono contattare il Consultorio diocesano di Latina alla mail contatti@consultoriodiocesanolatina.it.

Terminato il corso, le persone verranno inserite in un apposito elenco a disposizione del Tribunale per i Minorenni Il servizio non impone l’affidamento del minore, il quale potrà vivere in una specifica struttura o addirittura essere affidato a un’altra famiglia, o farsene carico economicamente. Si assume solo la rappresentanza legale, e bisognerà tutelare i diritti e il benessere psico–fisico del minore, vigilare sui percorsi di educazione ed integrazione tenendo conto delle sue capacità, inclinazioni naturali ed aspirazioni, come anche sulle sue condizioni di accoglienza, sicurezza e protezione.

L’obiettivo di questa norma, hanno sottolineato dall’Ufficio del Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, è creare "un modello di cittadinanza attiva e di genitorialità sociale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento