Favori ai boss dei Casalesi in carcere: condannato agente penitenziario di Minturno

I fatti contestati nel carcere di Carinola, nella provincia di Caserta. La condanna diventa definitiva dopo che la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il suo ricorso

(foto d'archivio)

Favori ai boss dei Casalesi all'interno del carcere di Carinola, nella provincia di Caserta: per un agente della polizia penitenziaria di 54 anni originario di Minturno la condanna è diventata definitiva dopo che la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il suo ricorso, confermando la sentenza d'Appello. 

Il 54enne secondo l’accusa, come riporta Attilio Nettuno su CasertaNews, avrebbe ricevuto dai bossFrancesco Diana e Massimo Iovine, detenuti entrambi al 41bis all'epoca dei fatti, soldi o altre utilità in cambio di favori. Tra questi favori le mancate perquisizioni prima dei colloqui, favorendo così l'eventuale scambio di pizzini e facendo pervenire direttive all'esterno del carcere, o gli avvisi di intercettazioni durante i colloqui o in cella. 

Ad accusare l’agente penitenziario sono stati gli stessi Iovine e Diana, diventati poi collaboratori di giustizia. Per i giudici della Suprema Corte, le dichiarazioni dei due pentiti sono "precise, costanti e spontanee”. Confermata anche l'aggravante mafiosa. 

I particolari su CasertaNews 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due giovani fermati in auto, i parenti raggiungono la Questura e protestano: un agente ferito

  • Latina, due rapine in un'ora: colpiti un alimentari e un tabaccaio. Pestaggio al titolare

  • Truffe, ecco come raggiravano gli anziani: la telefonata tra una vittima e l'indagato

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Vincenzo Rosato perde la vita in un incidente a Pomezia, cordoglio per la morte del medico

  • Ferma una giovane, tenta di rubarle l’auto e la picchia: arrestato un 28enne

Torna su
LatinaToday è in caricamento