Paga in anticipo per un'auto mai consegnata: scoperti i responsabili della truffa

E' accaduto a Minturno dove i carabinieri hanno scoperto una seconda truffa con un falso annuncio di vendita su internet. Tre le denunce

Due truffe scoperte a Minturno dai carabinieri. In un caso i militari della stazione locale hanno denunciato a piede libero un 31enne e un 42enne di Venezia che avevano indotto, attraverso false inserzione su Subito.it, un uomo a pagare in anticipo la somma di 500 euro per l'acquisto di un'auto. I soldi richiesti erano stati accreditati su una carta prepagata postepay intestata a uno dei due truffatori, ma la vettura non era stata in realtà mai consegnata. Nel tranello era caduto un uomo di 73 anni di Minturno, che dopo essersi accorto della truffa aveva denunciato l'accaduto ai carabinieri. 

Un'altra truffa, sempre a Minturno, ha invece portato alla denuncia a piede libero di una donna di 37 anni residente a Milano. Lo scorso 26 novembre la signora era riuscita a farsi accreditare su una postepay 25 euro per l'acquisto di un giubbotto, anche questo mai consegnato. La querela era stata sporta da una ragazza di 25 anni e ora i carabinieri della stazione locale sono riusciti ad identificare la responsabile.

Potrebbe interessarti

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • Notte Bianca a Latina: tutti i divieti per sabato 20 luglio. Come cambia la viabilità

  • Sabaudia, per l'estate tour gratuito in battello sul lago di Paola

  • Achille Lauro e la Notte della Luna: il centro di Latina fa festa

I più letti della settimana

  • Tragedia nel mare di Latina: sub di 19 anni muore durante un’immersione

  • San Felice Circeo, divieto di balneazione alla foce di Rio Torto: l’ordinanza del sindaco

  • Ponza: malore in nave, non ce l’ha fatta il comandante soccorso in mare

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Incidente sull’Appia: tre auto coinvolte. Un ferito grave, atterra l’eliambulanza

  • Processo Alba Pontina, le vittime del clan Di Silvio raccontano in aula tutte le minacce

Torna su
LatinaToday è in caricamento