Minturno, oltre due etti di cocaina tra pannolini e vestiti della figlia: coppia arrestata

L’operazione della Guardia di Finanza che ha fermato i due in auto sull’Appia: la droga trovata durante una perquisizione

Nascondeva droga, oltre due etti di cocaina purissima, nella borsa della figlia piccola: la scoperta è stata fatta dalla Guardia di Finanza che a Minturno ha arrestato una coppia. Si tratta di un uomo di 42 anni originario di Formia e della compagna 31enne di San Giorgio a Liri. 

I due, a bordo di un’Alfa romeo 147 in viaggio insieme alla figlia piccola, sono stati fermati per un controllo sulla variante Appia, nei pressi dello svincolo per Minturno in direzione Formia. Lo stato di nervosismo e grave agitazione della coppia, unito ai risultati dei primi riscontri eseguiti sul posto che hanno evidenziato l’esistenza di precedenti in capo all’uomo, hanno indotto i militari a proseguire con gli accertamenti. 

Il veicolo e la coppia sono stati scortati fino alla caserma di Formia dove le fiamme gialle hanno proceduto ad un controllo accurato del mezzo ed alla perquisizione personale dei passeggeri, ritenendo verosimile che trasportassero al seguito della sostanza stupefacente.

Le perquisizioni personali hanno dato esito negativo, ma il fiuto straordinario del cane “Bam”, in forza alla Compagnia di Formia, ha indirizzato i militari verso la borsa contenete gli effetti personali della bimba: proprio lì, tra pannolini, biberon ed alcuni indumenti di ricambio della piccola, è stata rinvenuta la busta di plastica trasparente con al suo interno 9 involucri, di differente peso, contenenti 238 grammi complessivi di cocaina di altissimo grado di purezza.

I finanzieri di Formia, avvisato il pm di turno della Procura ddi Cassino, Chiara D’Orefice, hanno sequestrato lo stupefacente e arrestato la coppia. L’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Cassino e la donna ai domiciliari dove resteranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Lo Zecchino d’Oro “canta” anche pontino: terzo posto per un bambino di Sabaudia

Torna su
LatinaToday è in caricamento