Cambia sesso e viene perseguitata e violentata dai colleghi: in quattro a giudizio

Nel 2010 aveva tentato il suicidio in un’azienda casearia di Aprilia. Dopo aver comunicato al lavoro di volersi operare per diventare uomo erano iniziate le persecuzioni

Subiranno un processo le quattro persone indagate per aver trasformato in un inferno la vita di una ragazza di 40 anni, che ora è diventata a tutti gli effetti un uomo, in seguito all’operazione.

Anni di mobbing e vessazioni, ma anche di violenze consistite in palpeggiamenti, minacce e insulti.

L’avrebbero appellata con aggettivi assurdi, transformer, carne di porco, l’avrebbero isolata e minacciata, se avesse raccontato tutto le avrebbero spezzato le braccia, negato l’accesso nel bagno dell’azienda, fino ad esasperarla al punto di tentare il suicidio. Tutto questo per costringerla a licenziarsi.

La donna, infatti, si era tagliata le vene e aveva raccontato di essere stata spintonata fuori dall’azienda e soccorsa dagli operai di una fabbrica attigua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina il giudice per l’udienza preliminare Guido Marcelli  ha rinviato a giudiizio quattro persone con le accuse di violenza sessuale e stalking. Il processo inizierà il 21 luglio davanti ai giudici del collegio penale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 nuovi casi: uno è un autista dei bus. La Asl: "Rischio diffusione per presenza di asintomatici"

  • Coronavirus, molti pazienti ex covid presentano sindrome post traumatica da isolamento

  • Coronavirus Anzio, tornano i contagi: tre nuovi casi registrati in città

  • Coronavirus: nel Lazio 12 nuovi casi. In provincia positiva una donna rientrata dal Brasile

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Coronavirus: nessun caso in provincia, 13 nuovi pazienti nel Lazio e 58 guariti

Torna su
LatinaToday è in caricamento