Lancia tre molotov nell'istituto Rosselli: lo studente arrestato dai carabinieri

Le indagini dei militari dell'Arma. Otto le bottiglie incendiarie che il ragazzo di 15 anni aveva preparato e con cui era entrato a scuola

E’ stato arrestato lo studente che questa mattina ha lanciato tre molotov all’interno dell’istituto Rosselli di Aprilia. Il ragazzo era stato subito fermato dai carabinieri del Reparto Territoriale prontamente intervenuti una volta scattato l’allarme in seguito alle forti esplosioni. 

Per il 15enne le accuse sarebbero quelle di strage - inizialmente si era parlato di tentato omicidio plurimo - e porto abusivo di materiale esplosivo. Sarà trasferito a Roma presso il Centro di accoglienza per minorenni; del caso di sta occupando la Procura presso il tribunale per i minorenni di Roma.

I fatti sono accaduti questa mattina intorno all’orario di ingresso nell’istituto di via Carroceto quando il giovane, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, dopo essere entrato normalmente a scuola si sarebbe cambiato nel bagno indossando una tuta mimetica. Poi al secondo piano del plesso ha lanciato tre molotov che artigianalmente aveva preparato a casa. Otto in totale quelle che aveva portato con sé ma che non è riuscito a far esplodere. Fortunatamente non ci sono stati feriti e sono i lievi i danni riportati dalla struttura; conseguenze contenute se si pensa alla quantità di materiale che il giovane studente aveva preparato. 

Il sopralluogo dei carabinieri nella scuola 

Ascoltato dai carabinieri dopo essere stato subito fermato e portato in caserma, il 15enne, ancora molto confuso, ha parlato di una vendetta nei confronti di qualcuno che, all’interno della scuola, nell’ultimo periodo lo aveva preso di mira bullizzandolo. Alcuni testimoni, ascoltati dagli inquirenti, avrebbero confermato che anche mentre lanciava le bottiglie incendiarie all’interno della scuola il ragazzo avrebbe gridato di volersi vendicare. 

Elementi questi, come confermano anche i carabinieri, su si sta lavorando e che dovranno essere verificati. Sulla circostanza, intervistata dall’agenzia Dire, è intervenuta anche la dirigente scolastica del Rosselli di Aprilia,  Viviana Bombonati: “Nessun atto di bullismo accertato” ha detto la preside (qui la notizia).    

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'Appia tra un'auto e un camion: la vittima è Maria Angela Parisella

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Due rapine in un'ora a Latina: bandito a segno in via Cisterna, il colpo salta a Santa Maria

  • Tragedia a Latina: un uomo si toglie la vita sparandosi con un'arma da fuoco

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Tragico incidente a Terracina, auto contro un camion: muore una donna

Torna su
LatinaToday è in caricamento