Operaio morto alla Plasmon, cinque denunciati per omicidio colposo

Rapido sviluppo dell'inchiesta aperta sulla morte del tecnico di una ditta esterna morto venerdì sera durante i lavori in una cabina elettrica. Domani l'autopsia sulla salma di Massimo Bigonzi

Massimo Bigonzi, l'operaio morto venerdì sera

Le indagini sulla morte dell’operaio Massimo Bigonzi, l’elettricista morto venerdì sera all’interno dei locali dello stabilimento Plasmon, dove sta eseguendo dei lavori per conto di una ditta esterna, hanno subito una brusca accelerazione. Al contrario di quanto avviene normalmente per gli incidenti sul lavoro che vengono fatti ricadere nel novero della casualità, i carabinieri di Latina hanno proceduto a denunciare cinque persone per il reato di omicidio colposo.

La notizia del deferimento all’autorità giudiziaria di ben cinque persone per la morte di Bigonzi è stata confermata dagli stessi carabinieri del comando provinciale. Un segno che le indagini della Procura di Latina, avviate proprio sugli elementi raccolti dai militari e dal personale della Asl nelle ore immediatamente successive al tragico incidente sul lavoro presso lo stabilimento della multinazionale, puntano a fugare alcuni dubbi esistenti sulla dinamica della morte dell’operaio. Dubbi che anche la famiglia di Bigonzi pretende siano dissipati: per questi motivi i congiunti della vittima hanno presentato una denuncia contro ignoti.

Intanto domani, o al massimo martedì, sarà effettuata l’autopsia disposta dal magistrato di turno sul cadavere dell’uomo, ritrovato morto in una sala motori della fabbrica alimentare di Borgo Grappa. La prima verifica effettuata dal medico legale avrebbe accreditato l’ipotesi di una morte sopraggiunta in maniera istantanea almeno tre ore prima del ritrovamento del cadavere, avvenuto attorno alle 20.50.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bigonzi viveva con i genitori e una sorella a Borgo Santa Maria. I suoi funerali potranno essere svolto solo dopo il dissequestro della salma, in seguito allo svolgimento dell’autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento