Caritas, nasce lo studio medico per odontoiatria ed ecografie rivolto agli indigenti

La struttura, realizzata in due locali della palazzina Ater di via Virgilio, è stata inaugurata questa mattina dal vescovo Mariano Crociata. Quindici i medici che finora hanno dato la disponibilità per lavorare come volontari

E’ stato inaugurato questa mattina lo studio medico per odontoiatria ed ecografia gestito dalla Caritas di Latina. Un servizio rivolto a pazienti e famiglie indigenti per i quali sono spesso precluse cure mediche private e costose.

Lo studio è stato realizzato in due diversi locali di una palazzina Ater in via Virgilio, con macchinari nuovissimi donati dalla Fondazione Roma. Questa mattina la struttura è stata ufficialmente inaugurata dal vescovo di Latina Mariano Crociata nel corso di una cerimonia che ha visto anche la partecipazione del sindaco Damiano Coletta, del prefetto Pierluigi Faloni e dei vertici della Questura e dei carabinieri.

Entrerà in funzione a partire da mercoledì prossimo per due giorni alla settimana, mercoledì e sabato, grazie al lavoro volontario di circa 15 medici, 10 odontoiatri e cinque ecografisti, che accoglieranno i pazienti indigenti inviati dal centro di ascolto della Caritas e dai medici di base che rilasceranno una normale prescrizione in caso di necessità di ecografie. Il servizio, in particolare, potrà essere un concreto sostegno per chi non è in grado di far fronte, con le proprie risorse, a lunghe trasferte per effettuare esami medici in centri pubblici lontani dal luogo di residenza.

“Lo Studio medico della Caritas che oggi inauguriamo – ha detto il vescovo Mariano Crociata dopo la benedizione - vuole essere espressione di questa cura verso i malati da parte della Chiesa. La nostra attenzione ai malati non si esaurisce in questo modo, ma questo studio medico è una forma particolarmente significativa di tale impegno che, con il suo ordinario funzionamento, si propone anche di risvegliare in tutti. Non a caso abbiamo scelto questo giorno, alla vigilia della conclusione dell’Anno della misericordia nella nostra Diocesi. Quest’opera, infatti, è stata voluta e rimarrà nel tempo come segno della solidarietà e della carità che l’anno giubilare ha suscitato nelle nostre comunità. La sua realizzazione è frutto del concorso di tanti che si sono adoperati con il lavoro e con sacrificio personale, e di tanti che si sono prodigati con un atto di generosità personale o organizzata”. Il riferimento è ai fedeli che la scorsa domenica hanno contribuito alla colletta tenuta nelle 87 parrocchie della diocesi pontina. Un altro ringraziamento è andato alla fondazione Terzo Pilastro, espressione della Fondazione Roma, che ha permesso l’acquisto dei sofisticati macchinari per lo studio odontoiatrico ed ecografico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Accoltellato alla giugulare: salvato dalla Stradale sulla Pontina e soccorso dall'eliambulanza

Torna su
LatinaToday è in caricamento