National Geographic a Sermoneta, set per il documentario “Cosmos”

Una troupe americana ha girato nel paese lepino un'intera puntata del documentario che sarà strasmesso nel 2014 in tutto il mondo

Un momento delle riprese del documentario

Sermoneta alla ribalta mondiale grazie National Geographic. Nei giorni scorsi, infatti, una troupe americana è giunta nel comune lepino per girare un’intera puntata di “Cosmos: a spacetime odyssey”, documentario che nel 2014 sarà trasmesso in tutto il mondo proprio da National Geographic e per il quale si prevede un ascolto di circa 750mila spettatori.

Il documentario si presenta come il proseguimento della serie TV originale creata negli anni 70/80 dall’astrofisico Carl Sagan, e tratta dei grandi temi scientifici globali cercando di proporre risposte su domande come la nascita dell’Universo e del nostro pianeta, lo studio della sua struttura e dei corpi celesti, la comprensione delle sue dimensioni e dei fenomeni spazio-temporali che vi hanno luogo.

Composto di 10 puntate, il film trasporta lo spettatore in moltissimi luoghi storici del mondo, e trae spunti dai più importanti fenomeni ed eventi sociali e socio-economici avvenuti nella storia del genere umano.

Il presentatore Neil deGrass Tyson, il più importante astrofisico divulgatore nel panorama televisivo statunitense, si sta recando quindi in alcuni dei luoghi più importanti, belli e famosi del mondo, prendendo spunti sia ambientali, architettonici, che dalla storia delle grandi civiltà in tali luoghi esistite, per porre domande e cercare risposte.

E , fra le molte diverse location richieste dalla Produzione in Italia, c’è l'ambiente naturalistico e storico/architettonico della città di Sermoneta. Per parlare del tema delle caratteristiche della "velocità della luce" nel cosmo, sono state utilizzate le bellissime ambientazioni delle strade di accesso alla città, lo storico uliveto dei Caetani alle porte del paese, nonché alcuni scorci interni delle vie della città, in cui sono state filmate alcune situazioni di mezzi in movimento, che andavano dal narratore in bicicletta, a un calesse trainato da un cavallo, alla testimonial (una nota attrice statunitense) che le ha percorse in motocicletta. A supporto la troupe, oltre al Comando di polizia locale, fondamentale è stata la disponibilità dimostrata dai volontari dell'Associazione Nazionale Carabinieri di Sermoneta.

Neil deGrass Tyson, considerato tra le 100 persone più influenti al mondo (fonte: People Magazine), 1,3 milioni di followers su twitter e destinatario di ben 14 lauree honoris causa, è rimasto affascinato dalla tranquillità e dal fascino incontaminato di Sermoneta: per questo ha richiesto alla produzione statunitense di trasferire qui anche le scene inizialmente previste a Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi, il borgo medievale è stato set per i videoclip della nota artista polacca Agnieszka Chrzanowska e della cantautrice Mariella Nava, ed ha ospitato una puntata della trasmissione di Rai Uno “Road Italy”. Nei decenni, Sermoneta è stata set di ben 86 pellicole cinematografiche italiane e internazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus, è morto il Paziente 1 di Fondi: era uno dei partecipanti alla festa di Carnevale

  • Coronavirus Latina: 193 i casi positivi nella provincia pontina, 1540 in tutto il Lazio

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

  • Coronavirus, prima vittima a Latina: era un dipendente dell'Inps. Morto anche un anziano di Fondi

Torna su
LatinaToday è in caricamento