Miraglia: “Janssen fiore all’occhiello del territorio pontino”

Il commento del presidente di Unindustria dopo la presentazione nel sito di San Michele del farmaco per il trattamento dell’epatite C per un investimento di 80 milioni di euro dal 2016 al 2021

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Il settore farmaceutico rappresenta per Latina e la sua provincia un fattore di crescita fondamentale con la presenza, sul territorio, di aziende di grande prestigio come la Janssen che ha presentato il Simeprevir, nuovo farmaco per il trattamento dell’epatite C per un investimento di 80 milioni di euro dal 2016 al 2021, che si vanno ad aggiungere agli oltre 100 milioni investiti negli ultimi otto anni”.

Lo dichiara il presidente di Unindustria Latina Fabio Miraglia a margine dell’evento “Investire in salute per rilanciare l’economia”, svoltosi nel Polo della Janssen Italia, Gruppo Johnson & Johnson, con la partecipazione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il direttore generale dell’Aifa Luca Pani.

Unindustria Latina è molto orgogliosa di avere tra i suoi associati un’eccellenza mondiale tra le imprese farmaceutiche, a ulteriore dimostrazione dell’interesse che questo territorio riveste per le multinazionali.

Ora – afferma Miraglia - bisogna fare tutti gli sforzi necessari per rendere ancora più competitiva quest’area, sia per rendere più agevole il fare impresa per le aziende già presenti, sia per attrarne di nuove. Per questo è innanzitutto fondamentale dotarla di infrastrutture più moderne, prima fra tutte la Roma-Latina, condizione prodromica per convogliare nuovi investimenti sul nostro territorio e consentire una maggiore crescita del Pil e dell’occupazione della nostra Regione”.

Torna su
LatinaToday è in caricamento