Omicidio in spiaggia a Terracina: muore Gaetano Marino

L'uomo, 48enne, originario della Campania è stato freddato da sei colpi di pistola. L'agguato è avvenuto in pieno giorno sul lungomare: panico tra i bagnanti

Sembra la scena di un film ma quello che è accaduto oggi pomeriggio nella spiaggia di Terracina è la triste realtà. Un uomo, intorno alle 17, ha esploso sei colpi di pistola nei pressi dello stabilimento balneare "La Sirenella" con l'intento di uccidere Gaetano Marino, 48 anni, originario della Campania, ed è riuscito nel suo intento.

La vittima si trovava sul marciapiede antistante lo stabilimento ed è morta sul colpo.  Sulla spiaggia è scoppiato il panico: la gente impaurita ha iniziato a scappare. Dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che ci sia stato anche un ferito. Si indaga per un agguato legato alla malavita.

Secondo una prima ricostruzione della polizia, Marino era in vacanza con la famiglia ed è stato avvicinato sul lungomare Circe dai killer, che gli hanno esploso numerosi colpi di pistola semiautomatica per poi fuggire a bordo di un’autovettura. Sono in corso le indagini da parte di personale del commissariato di Terracina nonché personale della squadra mobile della Questura e della Polizia scientifica, che sta effettuando i rilievi sul luogo dell’agguato.

L'uomo avrebbe infatti legami con i clan di camorra. Lo scorso febbraio era stato al centro di una polemica sollevata da Roberto Saviano perché il boss degli Scissionisti aveva partecipato come ospite a una trasmissione Rai in cui cantava la figlia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gaetano Marino, detto "mocherino", era fratello di Gennaro, attualmente detenuto in regime di 41 bis. Secondo quanto accertato dagli investigatori, Gennaro è l'artefice della scissione del 2004 dal clan Di Lauro, che provocò decine e decine di morti tra i quartieri Scampia e Secondigliano di Napoli. Secondo quanto riferiscono gli inquirenti, ultimamente Gaetano Marino si era avvicinato ai Vinella-Grassi, gruppo che contende alcune piazze di spaccio di Scampia all'associazione malavitosa costituita dalle famiglie Abete, Notturno e Abbinante.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

  • Terracina: rissa tra una ventina di giovani in un ristorante, arriva la polizia. Sei denunce

Torna su
LatinaToday è in caricamento