Uccise il padre sul lungomare, Cristian Canò da oggi è completamente libero

Il ragazzo ha ottenuto un ulteriore sconto di pena rispetto alla condanna definitiva a sette anni e mezzo. Ora potrà laurearsi

E’ tornato completamente libero Cristian Canò, il giovane di Cisterna che il 21 dicembre 2012 uccise il padre Gennaro sulla spiaggia del lungomare di Latina al culmine di una discussione legata ad una difficile situazione familiare.

Oggi  grazie ad una riduzione della pena di ulteriori 90 giorni sull’affidamento ai servizi sociali, che stava scontando dal giugno dello scorso anno e che sarebbe finita il 19 aprile prossimo, il ragazzo è completamente libero e potrà così concludere il suo percorso di studio universitario per laurearsi e diventare biologo.

Quel fatidico giorno Cristian aveva incontrato il padre al lido ma qui era scoppiata una lite violenta e il ragazzo, all’epoca 18enne, era stato schiaffeggiato dal genitore – separato da tempo dalla madre – ed aveva reagito colpendolo alla testa con una tavola di legno raccolta dalla spiaggia. E mentre il padre veniva portato in ospedale, dove sarebbe morto, il ragazzo era scappato a casa ma a distanza di poche ore di era costituito.

Accusato di omicidio volontario era stato condannato in primo grado a 14 anni di carcere ed aveva ottenuto poco dopo i domiciliari, in Appello la condanna era stata ridotta a 8 anni, in Cassazione a sette anni e mezzo. E proprio in conseguenza di questo verdetto, definitivo, Cristian era stato arrestato mentre stava per sostenere il suo secondo esame all’Università di Latina. Da allora ha continuato a studiare e presto potrà laurearsi. Da oggi è libero a tutti gli effetti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Picchia la ex moglie in strada e minaccia il figlio minorenne: bloccato dalla polizia

  • Incidenti stradali

    Provocò un incidente mortale sulla Pontina, condannato a due anni

  • Cronaca

    Cisterna, chiude in casa la madre malata lasciandola senza cibo: rinviata a giudizio

  • Cronaca

    Furto sventato alla Wurth: arriva la polizia e i ladri abbandonano 50mila euro di refurtiva

I più letti della settimana

  • Polizia in zona pub, rifiuta il drug test e chiama il suo avvocato: lui arriva ubriaco

  • Operazione San Valentino, banda dei furti in villa in manette: i nomi degli arrestati

  • Carni invase dalla muffa nella cella frigorifera: caseificio aziendale chiuso dai Nas

  • Parco dei Monti Aurunci, straordinario avvistamento di un gatto selvatico

  • Latina, sgominata la banda dei furti in villa: dieci arresti

  • Traffico illecito di rifiuti: sottratti a Roma e rivenduti al centro rottami di Cisterna

Torna su
LatinaToday è in caricamento